Messi alle strette

Intorno al novantacinquesimo minuto stavo guardando le classifiche dei gironi per capire come l’Italia poteva passare il turno tra le migliori terze. Ce n’era già una peggio di noi, l’Ungheria. Ne sarebbe bastata un’altra: che con un po’ di culo sarebbe forse già uscita stasera dal girone nell’Inghilterra (tipo la Danimarca o la Slovenia); oppure domani, da quella barzelletta del girone del Portogallo. Insomma, al novantacinquesimo minuto – comunque sicuro che tutto questo non mi avrebbe tolto il sonno – ero ragionevolmente fiducioso sul passaggio del turno. Cioè, su una qualificazione agli ottavi di finale degli Europei avendo perso due partite su tre. Beh, il regolamento mica l’ho fatto io, perchè vergognarmi come un ladro?

Poi è successo quel che è successo. Debbo fare coming out: Zaccagni, nel complicato rapporto qualità/importanza/resa/simpatia, è uno dei giocatori che più mi fanno cagare dell’intero campionato. Unisce, nel mio piccolo e singolo immaginario, gli eccessi delle derive social alla vacuità della figura professionale: qui dev’essere qualcosa legato all’invecchiamento e all’insofferenza e alla saggezza – parlo di me, eh? – ma c’è una categoria di giocatori che non sopporto più (Grealish è l’icona attuale, Neymar quella senza tempo) e non ci posso fare niente. A me piacciono i Lautaro, i Thuram, i Barella, i Darmian, i Bastoni (Setto’, so’ tutti dell’Inter), ok, i Calafiori, mi piace la gente concreta al di là del ruolo, la gente che fa cose, non i giocatori eventuali, ecco.

Ascolta “Italia-Croazia – Cremagliera” su Spreaker.

Poi succede che Zaccagni fa un gol della madonna al 97’40” di una partita che finisce a 98′, il suo primo gol in Nazionale, il gol che è la copia carbone di quello di Del Piero sempre in Germania e sempre nella porta di sinistra nel 2006, il gol che salva il culo a un’intera nazione e a un’intera nazionale, e allora dico: viva Zaccagni, viva Spalletti che lo ha messo dentro, viva il calcio, viva lo sport, abbasso la Uefa (che se mettevo su una squadra di ammogliati avevo discrete speranze di passare come terzo).

Detto questo: e ora? Vabbe’, con la Svizzera si può fare, anzi, si deve. Ci sono anche delle cose da vendicare, tipo una non qualificazione al Mondiale (vabbe’, ma che colpa ne aveva la Svizzera? Diciamo che un rigore non lo farei tirare a Jorginho, ecco, piuttosto a Donnarumma o al massaggiatore o a uno steward). Il problema, più che la Svizzera, siamo noi. Una Nazionale bipolare, che dà il meglio quando sta peggio (la rimonta con l’Albania, il secondo tempo con la Croazia) e il peggio quando non ha stimoli urgenti (la passivissima partita con la Spagna, il primo tempo in sicurezza con la Croazia con lo 0-0 come unica stella polare). Se questo mio ragionamento avesse un fondamento, l’eliminazione diretta dovrebbe darci un po’ di adrenalina: poi vabbe’, la palla è rotonda eccetera eccetera, però l’atteggiamento potrebbe trarne giovamento.

L’altra cosa sconcertante sono i black out. Ieri abbiamo preso un gol mezzo minuto dopo un rigore parato, addormentandoci nel corso di un’azione d’attacco elementare, facendo segnare su azione Modric (!). E’ la stessa cosa della rimessa laterale di Dimarco: momenti di assenza inspiegabili. E pagati tutti carissimi, tra l’altro. Se tutto questo fosse diretto a farci poi giocare meglio, potremmo inventarci qualcosa per Italia-Svizzera: chessò, un giocatore che si addormenta negli spogliatoi, oppure che entra in campo senza scarpe, oppure i difensori centrali che guardano una storia su Instagram mentre crossa Shaqiri. Boh, io comunque eviterei. Anche se, lo confesso, queste situazioni sono state il sale e il pepe di un Europeo che più che altro, con questa estenuante fase eliminatoria, concilierebbe pennichelle sul divano.


(per l’angolo Podcast, giunto all’episodio #72, vi ricordo che io e il mio socio aspirante pensionato, il mitico Max, attendiamo sempre i vostri vocali al numero dedicato Whatsapp 351 351 2355. Cosa dovete dire? Quello che vi pare. Anzi, no: per tre puntate – corrispondenti alle tre partite dell’Italia nel suo girone – parleremo appunto di Italia. Perché sarà un podcast molto europeo. Nella puntata #70 abbiamo dato le istruzioni) (le ridaremo, tanto non le rispetta nessuno) (è che siamo inclusivi)

(il podcast, oltre che su Spreaker – il cui player trovate qui sul blog – lo potete ascoltare anche su Spotify, Audible, Apple Podcast, Google Podcast e tutte le principali piattaforme. Non lo trovate? Prendete appunti – non è difficile – : scrivete “Settore” o “interismo moderno” nell’apposito campo e per incanto vi apparirà. E’ la tecnologia, bellezza, e non possiamo farci niente)

Questa voce è stata pubblicata in calcio e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

90 risposte a Messi alle strette

  1. grigio47 scrive:

    Allora lo fate apposta.
    Primo.
    E ho letto
    (ma non era meglio tornare a casa?)

  2. Javier + scrive:

    Secondo come
    Secondo me facciamo veramente cacare.

    Cahla resta viva Cahla

  3. Bandini scrive:

    Massì sabato sera pizza birra e inno nazionale.
    Un “filf” come me ormai non ha di meglio da fare.

    Però alla prima spondina di esterno in fallo laterale di quell’asino tatuato col biglietto per Formentera in tasca mi alzo, mi pettino e vado in balera alla faccia di zaccagni e di tiktok.

  4. Deki scrive:

    Se mai qualcuno ancora avesse dubbi su quanto possa influire l’allenatore nelle prestazioni di un giocatore, può tranquillamente guardare la differenza tra il Dimarco nerazzurro e il Dimarco azzurro.

  5. Alex scrive:

    Ciao a tutti. Capitolo Nazionale: vero (come quasi sempre) tutto quello che scrive Sect.
    Non avremmo in ogni caso meritato di perdere: la Croazia ha fatto 3 tiri in porta in tutta la partita, 2 sulla stessa azione di cui uno era un rigore (che fino a due anni fa non sarebbe mai stato fischiato). Noi almeno 4/5 palle gol nitide le abbiamo create, anche se all’interno di una prestazione tutt’altro che esaltante. Spalletti sembra si sia avvitato su se stesso insieme ai suoi contorti ragionamenti che capisce solo lui (le ormai famose supercazzole): Di Lorenzo, il peggiore in assoluto, lasciato in campo fino alla fine; Darmian fatto giocare fuori ruolo 2 volte, o meglio in due ruoli che non ricopre più da un bel pò di tempo; Raspadori, tenuto in campo fin quasi alla fine, giocatore totalmente fuori senso. Poi siamo proprio sicuri che non c’è niente di meglio di Jorginho? In attacco non dico nulla perchè quello che ha a disposizione è quello; ma piuttosto di Raspadori faccio giocare Chiesa anche con la febbre a 40° ! Speriamo che, come accaduto altre volte alla Nazionale, una volta passata da un buco veramente strettissimo (la qualificazione da terzi rispescati sarebbe stata una schifezza), la squadra si tolga di dosso quel blocco mentale che evidentemente la condiziona. Tre gol presi uno più assurdo dell’altro e, anche ieri, qualità troppo scarsa nei passaggi in uscita e nelle scelte stesse di quei passaggi: troppo scarsa per essere vera. Poi altro che ce la giochiamo facile: la Svizzera per l’Italia è sempre stata come il Sassuolo per l’Inter; li avete visti giocare? Penso siano una delle loro Nazionali più forti di sempre. Quindi Sabato sarà un bel banco di prova: o ci siamo scrollati la negatività di dosso, oppure ci fanno un mazzo tanto.
    Capitolo Chala: certo, fa piacere l’intervento del ragazzo, alla faccia di tutti quelli che lo paragonavano già a Lukaku dicendo che chi tradisce una volta, tradisce pure la seconda. A parte che non capisco chi abbia tradito l’altra volta, visto che è andato in scadenza di contratto, direi che i comportamenti dei due soggetti sono stati piuttosto diversi. Questo significa che resterà all’Inter al 100% ? Piano, non ci giurerei: se il Bayern dovesse tornare all’attacco con un’offerta di 60/65 milioni all’Inter e di 8,5/9 a lui, non so come andrebbe a finire. Speriamo ardentemente non succeda, perchè a mio modesto parere, per come gioca l’Inter di Inzaghi, è uno dei 3/4 praticamente insostituibili. Ma nel calcio di oggi mai dire mai.

    • Cipe64 scrive:

      D’accordo proprio su tutto tranne che su Chiesa.
      Capace di risolvere con il guizzo personale ma un uomo in meno nel gioco di squadra in cui Raspadori partecipa molto di più.
      Per me Chiesa è uno di quei giocatori che sa far molto bene due o tre cose…sempre le stesse…e tra queste non c’è una partecipazione intelligente al gioco dela squadra.
      Tra queste tre, tra l’altro c’è quella di simulare rigori, cosa che non mi sta tanto simpatica.

  6. Giorgio scrive:

    Di Lorenzo è in nuce lo specchio del Napoli. E del resto neppure Osimhen o Kvara…come si scrive hanno replicato l’annata dello scudetto. Spalletti pare non essersene accorto (anche Bearzot faceva giocare alcuni giocatori per gratitudine, per affezione…). Raspadori sembra uno dei molti giovani che non soddisfano le aspettative. Scamacca – francamente – non l’ho mai apprezzato come chissà quale punta. Purtroppo il campionato non offre granché.
    Come ho scritto ad un amico…traslando la situazione calcio nel tennis…siamo agli anni del “dopo coppa Davis” : ogni tanto spuntavano fuori alcuni singoli “bravi i” (Nargiso, Cané, Camporese, Caratti, Volandri), ma non abbiamo mai potuto aspirare a qualcosa di più di sporadiche vittorie e qualche piazzamento.
    Se poi snobbiamo e mettiamo fuori ruolo i giocatori della squadra che ha DOMINATO il campionato…be’, cuius commoda…

  7. Dawide scrive:

    Sì, gli juventini sfottono e snobbano questa nazionale appoggiata sul “blocco Inter” .

    Che si fottano. Loro vorrebbero solo blocchi juve, solo C.T. ex bianconeri, solo presidenti FIGC gobbi e tutto il resto.

  8. Kalle73 scrive:

    la pochezza tecnica è ampiamente sotto gli occhi di tutti da anni, grosse colpe non me la sento di addossarne a spalletti. se siamo ridotti a far giocare di lorenzo, jorginho e retegui è perchè nei settori giovanili si pensa più alla tattica che alla tecnica ed ad imbrigliare l’estro negli schemi. pretenderei un minimo di corsa e grinta a questo punto, ma molti di loro sembrano avere già la testa a formentera

    è una generazione mediocre a livello calcistico, ma che ci sta dando grosse soddisfazioni in molti altri sport , sia a livello femminile che maschile, dove si fatica di più e si guadagna di meno (tennis, atletica, nuoto, pallavolo, scherma ecc ecc) e questo mi rende felice, evidentemente c’è ancora gente che ha voglia di rimboccarsi le maniche e sudare per raggiungere degli obiettivi. speriamo che col tempo diventeremo meno calciofili e daremo più spazio a chi se lo merita sul serio.

    • Cipe64 scrive:

      Fare il CT della Nazionale oggi richiede molto coraggio.

      Da quanto tempo non vedo più i ragazzi giocare per strada o nei campetti liberi e sterrati. Le scuole calcio sono ormai il luogo principale di formazione e selezione delle giovani leve calcistiche.

      Il vero talento nasce sulla strada diceva Cruijff dove se cadi ti fai male e sei costretto a controllare la palla in condizioni difficili e imprevedibili.
      Il fatto che le scuole calcio siano da tempo il luogo privilegiato di formazione e selezione dei giovani credo sia parte del problema.

      In questo modo si escludono dal campo di osservazione tutti quelli che per censo non possono permettersi una scuola calcio e quelli, magari estrosi e bravi tecnicamente ma con un fisico non ancora competitivo.

      In più, in questi ambienti, i bambini vengono educati sin da piccoli ad una competitività eccessiva che soffoca il piacere del gioco per il gioco…quello che ti fa sperimentare le giocate meno sicure…quelle più creative.

      Non è così che si coltiva il talento. I più grandi giocatori sono nati sulla strada e in condizioni anche di grande povertà…

  9. Dawide scrive:

    Ihl Chalha affhairhe:

    Un dirigente di secondo grado del Bayern va a vedere una partita degli europei (sono in Germania… manco pagherà il biglietto… perchè no?).
    Incrocia, sull’ascensore che porta in tribuna, l’agente di Hakan, anche a lui piaceva quella partita lì.
    “Ehi… cazzo ci fai qui!?”
    “Cazzo ci fai te?!”
    “Come va bello?”
    “Alla grande”
    “E il tuo cocco, Chala? Com’è”
    “Sta da dio! Campione d’Italia, mvp nel ruolo, ha smerdato quelli del milan… cazzo vuoi di più!?”
    “Grande Chala! Ma allora un altr’anno potrebbe venire a Monaco a farci vincere la Bundes… che quest’anno abbiamo fatto cagare”
    “Dici? E perchè no” ridendo.

    PRIMO CONTATTO DEL CLUB BAVARESE E APERTURA DELL’AGENTE DEL TURCO.

    “Sì, pronto, Hakan? Sono Gordon. Come stai ciccio?”
    “Bene, grazie. Mi alleno…”
    “Bravo. È così che si fa. Oh, sai chi ho beccato in ascensore allo stadio?
    “Bho! Avrai trovato qualche figa!”
    “Ehh, sto cazzo, magari figa. No. C’era quello del Bayern…come si chiama? Biondo… alto…ginocchia un po’ a punta…”
    “Sì, ho capito chi vuoi dire. E allora?”
    “Ma no…niente…faceva lo spiritoso. Ha detto di andare a Monaco che spacchi tutto”
    “Eh, digli che tiri fuori il grano e poi ci andiamo”

    APERTURA DEL CENTROCAMPISTA TURCO VERSO IL CLUB TEDESCO

    Insomma… abbiamo creato un caso su 4 battute del cazzo…

  10. Semperfi scrive:

    Sono contento per il messaggio semplice, chiaro e senza giri di parole che il nostro Chala ha dato dal ritiro della sua nazionale in merito all’assalto in punta di piedi dei Bavari.
    I sto bene a MI, voglio vincere con l’Inter, passo e chiudo che devo fare l’Europeo.
    Monaco abbiamo un problema. Adesso la palla passa alla proprietà come durante la dinastia Zang, ve lo ricordate il messaggio di Alessandro B? quando disse le famose parole con gli Inglesi sotto le mura…”Io di quà non mi muovo” mettendo in crisi non chi lo voleva comprare ma chi lo voleva vendere per 45M, oggi ne vale 90 e vanta il #1 nella sua posizione. Il giocatore ha scaricato la responsabilità sulla società e ha pulito il suo onore per iscritto. Adesso vedremo come risponderanno le due parti addio tormentone. Per la Nazionale sono contento, non condivido le scelte del Mister che mettono in ombra le qualità e le doti del gruppo di casa, questa cosa di soffrire, fare penitenza, frustarsi e adattarsi mi ha rotto le balle, giochiamo male e non stiamo dando una bella immagine pur avendone la possibilità. Mi viene in mente il recente sciopero dei cuginaster ma io continuerò a tifare senza problemi, visto mai che alla fine ci ritroviamo a difendere il trono? spero di si e con 4 titolari.

  11. TOTO scrive:

    Buongiorno.
    A quando un post dal titolo: Ronaldo alle strette?

    Si, ok, vado a vergognarmi in ginocchio sui ceci!

    In realtà di questa italietta mi frega meno di zero e il mio maggior cruccio di ieri era che dopo una figuraccia in eurovisione si passava comunque agli ottavi.

    E, chiedo a quelli più bravi di me, in tal caso come si faceva l’accoppiamento?
    Maledettan Uefan! 🤣

    • Giorgio scrive:

      La vincente della partita 38 (Svizzera Italia) incontrerà ai quarti la vincente della partita 40 (Germania-una terza).
      Faccio il saputello perché avevo avuto la stessa curiosità 😜
      Ciao, ragazzo. 🤗

  12. Javier + scrive:

    @Kalle73
    Vero, concordo sulla limitata responsabilità di Spalletti, premesso che da sempre mal digerisco le scelte di mettere i giocatori dall’altro lato del campo dove rendono meglio (questa è una colpa del mister secondo me) però va riconosciuto il materiale discutibile in non meno del 60% dei giocatori.
    Come ha detto il mister, che appoggio totalmente per la sfuriata contro chi racconta i cazzi dello spogliatoio a quelle merde dei giornalisti, se poi si sbagliano i passaggi più banali nelle uscite, non ci si muove a dettare il passaggio (ma sto Retegui dove è per 89 minuti e mezzo?) o ci si distrae a spot quando bisognerebbe avere l’adrenalina a palla per cento minuti in una manifestazione internazionale. Insomma si diano una mossa.

    PS ma che succede a Formentera che tutti parlate di Formentera, mi sono perso qualcosa?

  13. Maura scrive:

    Per dire: io sono nata il 28 giugno 1954 ( prego no commenti, lo do, sono tanti) e l’Italia era stata giusto giusto eliminata dalla Svizzera per 4 a 1. L’Inter aveva vinto lo scudetto e battuto la Juve 6 a 0. Ora, sarà scaramanzia, ma ho visto la Svizzera contro la Germania e… mah!

  14. Stevenzem scrive:

    During negotiations, your professional acts between the yourself and the potential purchaser’s representative. They guide you trustworthy specialists, whether they’re in home inspection or money guidance. Once conditions are decided, the expert will arrange a home check and deliberate with you on possible adjustments, determining who exactly takes on the monetary responsibility, whether it’s you or the potential buyer.

  15. Militus scrive:

    Che sia Oaktree, sotto mentite spoglie, per ascoltare i nostri consigli di mercato?

  16. Mandorlo scrive:

    Malen Nomen homen

  17. Dawide scrive:

    Bisogna leggere al contrario?

  18. Dawide scrive:

    Dice che Paul è morto?

    • Mandorlo scrive:

      Nel quarto d’ora che ho visto di Olanda Austria, Malen, l’improvvido sostituto di Dumfries, ha prima fatto gol nella sua porta e poco dopo se ne è mangiato uno nella porta avversaria.

  19. Alex scrive:

    OK, il “materiale” non è di prim’ordine; ma se poi fai giocare il poco che hai fuori ruolo e continui a cambiare modulo, non è che ti aiuti un granché. I due “Di”, uno è fuori forma (il nostro) , l’altro è proprio fuori del tutto, da più di un anno. Per me, nella prossima, difesa a tre e sugli esterni Bellanova a dx e Cambiaso a sx; tutti e due reduci da un ottimo campionato. E la’ davanti, considerato quello che c’è a disposizione, Chiesa non può non giocare. Poi vada come vada.

  20. Cincinnato15 scrive:

    Chiesa va bene negli ultimi 20 o 30 minuti ( come Frattesi )

  21. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Visti gli ultimi colpi di testa (al pallone e del CT) potremmo utilizzare Bastoni certravanti. Perdiamo un difensore ma acquistiamo peso in attacco. Spero non la legga Spalletti.

  22. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Dal sito della Gazza : “Schmid, Sabitzer e Wimmer si muovono invece dietro l’unica punta Arnautovic. L’Olanda risponde con il 4-3-3 con De Vrij al centro della difesa, con Reijnders al centro del centrocampo e Arnautovic in attacco.” Va bene essere forte, ma giocare in due nazionali contemporaneamente …

  23. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Pickford a.k.a. L’Handanovic Inglese

  24. neroazzurro-rosso scrive:

    Ma Lewandowsky come cazzo li tira i rigori !?

    Peggio di Jorginho e Pellè.

    Un grosso grazie al VAR che gli ha dato la possibilità di ritirarlo…a cazzo anche stavolta!

  25. Alex scrive:

    Pare da che dall’altra parte del Naviglio non stiano tranquilli se non vanno a “scaccolare” un ex-Inter. Io spero che non vada in porto, perchè Lukaku nel nostro campionato ti porta comunque tanti punti, soprattutto con le cosiddette “piccole”, partite nelle quali il Milan, non di rado, sminchia. Dovesse succedere, sarei curioso di assistere al primo incontro con Ibra.

  26. Semperfi scrive:

    Strano che la crema del calcio Europeo in nazionale non si faccia ancora notare..
    F e UK con il freno a mano, D a targhe alterne, I lasciamo stare, l’unica che alza la mano sarebbe la E ma ha un girone facile. Dall’altra parte, il BR brutto anatroccolo. ARG Lautaro dipendente, CHL non pervenuto, ci sarebbe UY ma meglio aspettare.
    Insomma sembra che i giocatori in nazionale non si trovano proprio a loro agio, Spalletti per esempio sembra un prof di Greco all’Istituto tecnico, forse d’estate invece di fare i compiti e studiare materie severe, sarebbe meglio giocare per divertirsi e fare divertire. Vada come vada per settembre saranno tutti promossi o quasi.
    PS: Bella questa di RL corteggiato dai BB, ma C non dice niente? Boh.

    • Militus scrive:

      Spalletti prof di Greco nel senso che all’Istituto Tecnico non lo capiscono ma neanche lui capisce quello che dice, immagino…

      • Semperfi scrive:

        In effetti, spero sia una strategia per confondere i traduttori delle rivali, interessante il ratto delle laptop Svizzere, altro rebus da risolvere per il Mister che nella prossima conferenza spiegherà nei dettagli (du ore)ragioni e conseguenze legate alla fuga di dati delicati dallo spogliatoio collegata al controspionaggio internazionale in ambito continentale a difesa del difensore opposto al palo destro di fronte al partito preso.
        Ci sarà la fila..Non vedo l’ora.

  27. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Inizia l’era Conte: “Servirà tempo, ma non ho molta pazienza”.
    Praticamente, dall’allenatore che dovrebbe rianimare il Napoli dal post-scudetto (il 3°, dilettanti), un ossimoro.

    • Semperfi scrive:

      Finalmente! mi mancavano proprio le uscite di C.
      Uno che spara dritto al sodo senza tanti giri di parole…
      Giusto per rimanere in tema

      • Geppetto57🌟🌟 scrive:

        C’è sempre da calcolare che il suo principale interlocutore sarà il mitico ADL. Un altro che non le manda a dire. A dire il vero anche il figliuolo non scherza

  28. Gaetano scrive:

    Ora è definitivo. Senza il gol al 99 minuto di Zaccagni , l’Italia sarebbe andata a casa…

  29. Giorgio scrive:

    Sommer, Pavard, Darmian, De Vrij, Dimarco, Dumfries, Barella, Calhanoglu, Frattesi, Thuram, Arnautovic…tutti agli ottavi.
    Non c’è che dire : abbiamo QUALCHE giocatore discreto e FORSE lo scudetto e’ stato vinto con merito…
    Ah, già… Acerbi e’ dovuto restare a casa e Lautaro – tanto per cambiare – fa quel che gli riesce benino : segna a raffica.

  30. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    E Arnautovic conferma il primo posto in classifica ovunque lo metti.

  31. Semperfi scrive:

    Nuovo sponsor in arrivo ovvio made in US.
    m&m’s .
    Ammetto che il nuovo portiere del futuro non lo conosco.
    Conosco invece il fiuto fino dei nostri DS, quindi..
    Uno Spagnolo o meglio Valenciano a Milano, non si vedeva dal?…
    Di sicuro in porta mai visto uno di quelle parti, i Baschi hanno fama di buoni portieri male che vada, paella mar y tierra per tutti! Olé.

    • Militus scrive:

      Mi sfugge qualcosa sul riferimento ai portieri Baschi? Se Martinez è valenciano non può essere basco.

      • Semperfi scrive:

        Appunto a Valencia si mangia la Paella mica fanno i portieri.
        Rischio implicito alla scelta di origine mitigato dal fiuto dei DS.
        In Euskadi fanno portieri ma zero Paella o meglio il pesce lo fanno bene ma in una maniera diversa, mi scuso sta cosa di Spalletti mi ha contagiato .☺

    • Giorgio scrive:

      👍
      Splendida città…arrivato per caso in una piazza, parcheggiai e entrai in un ristorante dove campeggiava la scritta secondo cui la paella era nata in quel locale.
      Presumo sia la stessa cosa per mille altre specialità in mille altri posti nel mondo, ma la bellezza della città mi rimase impressa.
      Come a Madrid (dove son stato spesso) e Saragozza…ci tornerei volentieri.

      • Semperfi scrive:

        E si condivido, Valencia ha il suo incanto, il lungomare il porto, il clima a prezzi ragionevoli e le ragazze sedute sulle panchine che sorridono allegramente al tramonto.
        Io preferisco quella di mare, mare e terra sono opposti, ma a loro piace e se gli dici che non va bene, si incazzano come bestie.
        Simpatici e buone persone (imho)comunque.

      • Giorgio scrive:

        👍
        Ricordo che la prima volta che ci arrivai…circolavano ancora monete franchiste, e vidi per la prima volta i lustrascarpe.
        Si, li avevo già visti, ma solo nei film. Quello che invece mi stupii davvero furono invece le macchinette dove si potevano vincere 500 pesetas e i lavavetri ai semafori (in Italia arrivarono solo dopo…).

        • Semperfi scrive:

          Wow ma di che anno stiamo parlando, no perchè per motivi personali ho una certa esperienza e personalmente, a parte la moneda de a quinientas Ptas. (oggi vale +/- 100EUR) gli sciuscià e i lavavetri non li ho mai visti.. hai beccato il mio insaziabile e perenne lato curioso.

  32. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Dalla Gaxxa online di oggi :
    TITOLO #1 :
    “Kean alla Fiorentina: c’è l’accordo. Quinquennale per l’attaccante. Alla Juve 13 milioni e 5 di bonus”
    TITOLO #2 :
    “Soulè da 40 milioni, Huijsen da 30 e… Così i baby possono riempire la cassaforte Juve”.
    E poi si domandano come fanno gli altri a sospettare le plusvalenze per aggiustare i bilanci.

  33. Lothar scrive:

    Intanto ho letto dell’ufficializzazione di Mertinez x 13 e mezzo.
    E mi conforta, se ci mettiamo in testa ua cosa la realizziamo, punto.
    Ora, dopo gli europei avanti con le conferme ed eventuali aggiustamenti.
    Gli altri più o meno stanno ancora brancolando.

    • Alex scrive:

      Mah; speriamo che sia buono. Perché quella cifra per un portiere che almeno l’anno prossimo farà il secondo, è decisamente importante.

  34. Lothar scrive:

    Personalmente, non posso che fidarmi che dei ns Marotta & Ausilio, anche per l’importanza dell’investimento, e su questo son d’accordo con te.

  35. Lothar scrive:

    A qualcuno serve un che?
    In omaggio 😒..

  36. Giorgio scrive:

    Buongiorno a tutti, forza Inter e… Buon compleanno a Maura (se non ho letto male).
    Auguri per tutto, incluso quello di arrivare…alla decima stella 😉

  37. gibson3 scrive:

    Se, come si legge, “tutto fatto per Thuram jr alla merdentus”, ciò mi romperebbe non poco, perchè, fateci caso, questi ladroni lucrano ogni volta, sul nostro scouting che sia Thuram jr, che sia Breme, lo è stato anche per Chiesa se non ricordo male.
    In pratica è come il compagno di banco delle scuole che copia il compito da te e prende il voto più alto di te.

    • Kalle73 scrive:

      visto come è andata l’anno scorso, non mi sembra che abbiano copiato poi cosi bene…

      e poi mica possiamo prenderli tutti noi, direi che a centrocampo siamo coperti (se rimangono questi, esclusi gli già inutilizzati klassen e sensi rimpiazzati da zielinski)

  38. Semperfi scrive:

    Sondaggio dell’ultimo venerdì di Cuadrato.
    Vista la crisi senza ritorno tra lo Sceik e Scrigno, siete d’accordo in un possibile ritorno a casa dell’ex ,agevolato e in pieno rispetto del presupposto sterile ma agile?
    a) No, merita le lame e catrame in saecula saeculorum
    b) Si, Daemon lo trasformerebbe in un gran centrale meglio di quello che fu.
    c) Ni, peccato abbiamo Bisseck che scalpita come uno stallone in calore però..
    d) Mah, potrebbe servire alla causa se i conti tornano e ritrova le motivazioni.
    e) Scherziamo?Sarebbe il tipico colpaccio del neo Presidente executivo, magari.
    Votate e salutate uno dei più cari x min/giocato e indigesto acquisto cha abbia mai visto o meglio intravisto visto che era sempre in malattia per rottura di coglioni.
    Non mi mancherà.

    • Kalle73 scrive:

      A con un pezzo di C

      A per come se ne è andato, C perchè bisteccone è meglio con i piedi

      • Semperfi scrive:

        Condivido, Bistek merita una prova a medio termine e poi l’ariano in buona fede sembra ormai al tramonto..
        Vediamo chi sceglierà il Pres. per sostituirlo degnamente, peccato per la sua assenza in Naz. anche se Spalletti lo avrebbe fatto giocare in porta o al massimo da terzino centrale (new). Ci avrebbe dato un gran mano comunque.

  39. Giorgio scrive:

    F) non c’è ?
    Niente di personale.
    Sono per principio contrario ai ritorni.
    Da F. Mazzola, a Recoba, a Lukaku…il ritorno non ha mai funzionato appieno.
    Avrei fatto un’eccezione per R. Baggio, una volta liberatici del gobbo che ne causò l’allontanamento.

    • Semperfi scrive:

      La F fa rima con fXXa, e per questioni di genero e transgenero me tocca lasciarlo da parte, per rispetto al raduno globale sotto casa dei LgBt, sembra di essere ad Amsterdam tuttta na sfilata de.. lasciamo perdere.
      Condivido il criterio rigido ma giusto, con il supporto delle esperienze passate.
      Lasciamo perdere il gobbo che fino a quando non lo vedo fuori dalla lista non sono tranquillo.

    • Giorgio scrive:

      No, no.
      Intendevo l’allenatore gobbo dell’epoca.
      Il mio (sigh !) corregionale…

  40. Semperfi scrive:

    Approfitto l’assist di Giorgio per sottolineare il compleanno della Signa. Maura, tanti auguri e 100 di questi scudetti!
    Buon fine settimana a tutto il Muro del Blog e Forza Italia!
    PS: Mister abbia pazienza vediamo di tenere alto il blasone, mi raccomando.

  41. neroazzurro-rosso scrive:

    @Semperfi…magari “Forza Azzurri” suona meglio e puzza meno del tuo incoraggiamento.

    Mi associo agli auguri nerazzurri a Maura.

  42. estecambiasso ** scrive:

    Ho visto le maglie dell’anno prossimo…

    Passiamo ad Adidas, per carità.
    Anzi,

    Umbro esiste ancora?

  43. Giorgio scrive:

    Dobbiamo ancora tenere per molto in campo quel termosifone col n.9 ?

  44. Gaetano scrive:

    Che pena…
    Non ci sono altre parole..

  45. Giorgio scrive:

    Prova a metter dentro Frattesi, no.?!?!

  46. Geppetto57🌟🌟 scrive:

    Ennesimo clean sheet di Yann Sommer?

  47. Giorgio scrive:

    Certo…metti dentro un po’ di Roma, un po’ di juve e poi…aspetti il 90.mo per metter dentro Frattesi, che è l’unico che corre e tira ?!?!
    Fagioli ? Cristante ? Scamacca ? Mancini ? Pellegrini ?
    Ma dai, Spalletti…su…
    Ha fatto di più Retegui in 10 minuti che Scamacca in 3 partite.
    Lo so, la maggior parte di noi, da casa, ha fatto di più 😖

  48. Gaetano scrive:

    Spalletti è un ottimo allenatore ma è un pessimo selezionatore

  49. Giorgio scrive:

    Mi spiace davvero tanto per tutta quella brava gente, i tanti emigrati in Svizzera e Germania che ne hanno passate e ne passano tante e aspettano a gloria l’occasione di una rivincita, una soddisfazione per togliersi di dosso tanti dispiaceri…
    Cantaci, o Settore, dell’ineffabile Luciano le strane scelte che infiniti addussero moccoli agli italiani…

  50. Gaetano scrive:

    Spalletti sta supercazzolando alla grande su Sky…

  51. TOTO scrive:

    La realtà è la pochezza tecnica del 70 % (e sono buono) dei pedatori italiani.
    Se i centravanti in serie A sono tutti stranieri, in nazionale chi deve segnare?

  52. Enzo Primo scrive:

    11 cadaveri in campo e uno zombi in panchina.
    Subire una lezione di calcio dalla Svizzera lo trovo alquanto indecente.
    11 cadaveri con un bidone al posto del cuore.
    Ah no, mi sono confuso con in “capo delegazione” della Nazionale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *