Il difensore dello Stato libero di Bananas

Va bene, mi arrendo, ho perso. Chiedo scusa ad Acerbi, Juan Jesus, a Martin Luther King e al Ku Klux Klan. Il mio idealismo a volte mi prende un po’ la mano: d’accordo, non pensavo di poter risolvere la questione del razzismo da Zio Tom ai giorni nostri con la condanna esemplare di un difensore centrale della mia squadra del cuore (che mi sta pure simpatico e ammiro molto), ma avrei considerato con interesse una decisa ed esemplare presa di posizione del mondo del calcio – una delle entità più farlocche in natura, gentaglia che giuoca con i nostri sentimenti e i nostri portafogli – su una questione attuale, eterna e irrisolta.

E’ andata male – parlo per me, eh? – E niente, pace, come conseguenza diretta avremo un centrale da schierare regolarmente al centro della difesa nel partitone con l’Empoli, ma non potremo fare lezioni di educazione e inclusione alle giovani generazioni citando il caso Acerbu-Juan Jesus che, non essendo concessi ricorsi, passa direttamente agli archivi.

Ascolta “Save the lambs” su Spreaker.

Come purtroppo mi aspettavo, il 90 per cento degli sportivi si è diviso su questioni accessorie invece che dedicarsi al tema principale, se cioè sia giusto nel 2024 dare con leggerezza del negro a una persona di pigmentazione non caucasica. E se sia giusto, avendolo fatto, passarla liscia. Le questioni accessorie a me non interessavano proprio – mi ero detto: guardo la luna, non il dito – ma hanno prevalso nettamente: non ci sono prove, la parola dell’uno contro quella dell’altro, il labiale non si capisce, nessuno ha sentito, Acerbi è mica razzista, eccetera eccetera… Metti tutto questo in mano alla Giustizia sportiva e bòn, la questione è risolta.

Mi ero sentito sottoporre questa tesi, durante una delle centinaia di chiacchierate delle ultime ore: non ci sono prove, se condannano Acerbi senza prove sarà sufficiente che uno in campo dica che l’altro gli ha dato nel negro per fare scattare espulsioni e lunghe squalifiche. Tu vuoi proprio questo, Setto’?

Al che ora ribatto con questa tesi: sarà sufficiente non urlare e coprirsi la bocca per dare nel negro a chiunque, impuniti. Tu volere questo, buana?

Mi spiace un po’, perchè per 9 giorni siano stati costretti a parlare di razzismo ma di questi 9 giorni di dibattito intenso non rimarrà nulla. Io speravo che passasse il messaggio che dare nel negro a un altro è una cosa pessima, squallida, anacronistica. E speravo in una pena esemplare perchè da qualche parte – tipo dalle pene esemplari, appunto – bisogna pur partire. Le battaglie culturali hanno necessità di un punto d’appoggio. Oh, siamo riusciti a vietare il fumo al bar, al cinema, al ristorante, in treno, sull’aereo… sembrava la cosa più impossibile della storia del genere umano, invece è successa. Pensavo si potesse fare qualcosa con gli insulti razzisti. Niente, è andata così, mi ritiro in buon ordine.

Resta un po’ di amarezza mista a un risolino sarcastico. Acerbi è stato assolto dopo essersi difeso affermando di avere detto a Juan Jesun “ti faccio nero”. E niente, mi è venuto in mente il nostro Parlamento quando confermò con una votazione in aula che Ruby era la nipote di Mubarak. Era il 27 maggio 2010, noi cinque giorni prima avevamo regolato i conti con la Storia. E adesso, cinque giorni dopo questa sentenza, in perfetta armonia con i fatti di 14 anni fa, possiamo tornare a dedicarci alla nostra missione bi-stellare. Meglio. Perchè i dibattiti sui massimi sistemi, ecco, non ci vengono benissimo. Come categoria – i tifosotti -, intendo.


(per l’angolo Podcast, giunto all’episodio #54, vi ricordo che io e il mio socio aspirante pensionato, il mitico Max, attendiamo sempre i vostri vocali al numero dedicato Whatsapp 351 351 2355. Cosa dovete dire? Quello che vi pare. Siete tifosi della squadra meno razzista dell’universo: cosa volete di più? Comunque ci sono dibattiti aperti su temi fondamentali del tipo: quale orario preferite per le partite? E quale invece vi fa cagare? Quale scaramanzia adottate prima della partita? E quanto garantisti sareste stati se Juan Jesus l’avesse insultato Theo Hernandez?)

(il podcast , oltre che su Spreaker – il cui player trovate qui sul blog – lo potete ascoltare anche su Spotify, Audible, Apple Podcast, Google Podcast e tutte le principali piattaforme. Non lo trovate? Prendete appunti – non è difficile – : scrivete “Settore” o “interismo moderno” nell’apposito campo e per incanto vi apparirà. Oppure, certo, potete non ascoltarlo. Ma vi perdete delle cose che manco vi immaginate)

Questa voce è stata pubblicata in calcio, Inter, questioni importanti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

191 risposte a Il difensore dello Stato libero di Bananas

  1. Geppetto57 scrive:

    primo?

  2. Luca scrive:

    Secondo, ma perché mi hanno rivolto un insulto sessista

  3. Geppetto57 scrive:

    L’ipotesi ventilata di punire il colpevole con dieci (!!!) giornate di squalifica perché un giocatore riferisce di averlo sentito rivolgergli insulti razzisti senza alcuna prova oggettiva (labiale, audio, compagni di squadra) mi sembrava un pò esagerata. Resto dell’idea che se Acerbi avesse rivelato subito la frase incriminata, senza poco simpatiche cortine fumogene a favore dei soliti noti, non avremmo dato adito ai soliti peana dei giornaloni. Naturalmente il Napoli, dopo tutto il casino che si è fatto, continuerà la sua crociata in difesa di JJ. Con immutata stima (del Napoli)

  4. Mauro scrive:

    La giustizia per dare un esempio agli altri non è giustizia ci vogliono le prove. Non si dà un segnale al mondo distruggendo un uomo che si proclama estraneo. Per partito preso. Ragionamento discutibile. Certamente pericoloso, da respingere.

  5. denny71 scrive:

    Boh, deve essere la prima volta che leggendo un post settoriano non mi trovo d’accordo al 100%, cioè che il razzismo sia “una cosa pessima, squallida, anacronistica” figuriamoci se non sono d’accordo, ma siamo sicuri sicuri sicuri che acerbi abbia detto negro e non “ti faccio nero”? E perché quest’ultima frase sarebbe più ridicola, che so, di dire donkey invece di monkey (esempio a caso 😏) ma soprattutto perché le condanne esemplari devono essere sempre quelle che rompono le palle a noi, mentre gli altri continuano a fare i loro comodi? L’ho già detto ma lo ripeto, quando i deficienti interisti hanno insultato koulibaly l’inter ha giocato 2 partite a porte chiuse, quando i deficienti gobbi hanno insultato lukaku non è successo niente, e allora di che parliamo? E poi il discorso che punendo acerbi senza prove si sarebbe creato un precedente pericoloso è liquidato con troppa leggerezza, io buana non volere razzismo ma purtroppo qua nisciuno è fesso… poi magari all’interno dello spogliatoio acerbi se la vedrà con thuram, dumfries, bisseck, penso che loro possono essere i migliori giudici

    • Alessio scrive:

      Assolutamente d’accordo! Se la vedrà con i ragazzi nello spogliatoio e alla fine della stagione, se lo saluteremo, sapremo la verità.

    • kikkina scrive:

      👏👏👏👏 continuo a ripetere allo sfinimento del caso di Lukaku, ma fanno tutti orecchie da mercante…

  6. Angelo scrive:

    La vera domanda è: glielo ha detto veramente?
    Perchè credere a JJ (che potrebbe aver capito male) e non ad Ace?

  7. Paolo scrive:

    Ci sono barzellette razziste che girano sui social. Video. Per me sarebbe sacrosanto mettere 10mila di multa a chi le inoltra. Per esempio. Non sarebbe neanche tanto complicato. E sicuramente educativo.

    Punire con 10 giornate Acerbi forse, e dico forse, sarebbe stato importante per mettere un mattoncino contro il razzismo. Un personaggio pubblico, uno sport molto popolare, un esempio esemplare.

    Ma sarebbe stata una sconfitta dello stato di diritto, che è un pilastro fondamentale della nostra democrazia. Una democrazia, alla lunga, il razzismo può batterlo. Senza democrazia il razzismo prospera.

    Ti voglio bene Settore, ma non sono d’accordo con te.

  8. Cipe64 scrive:

    Scusa Settore ma io davvero non capisco.

    Potrei anche essere un boomer bambacione che si beve il “ti faccio nero”…che, se ci pensi bene, questa cosa detta proprio ad un nero, potrebbe essere una minaccia condita di (se vuoi discutibile) sarcasmo…ma il fatto non è neanche questo.

    Non dobbiamo confondere due piani della discussione da tifosotti (in questo hai ragione perchè questo siamo) che si aperta in questi giorni.

    Un piano riguarda la gravità da dare all’offesa razzista e se dare in modo dispregiativo del negrao a qualcuno sia grave o meno.

    Il secondo piano riguarda quallo che deve essere una minima idea di Stato di Diritto e se sia lecito accusare e condannare una persona senza, come minimo, una concordanza di due indizi…due non tre…

    Non dobbiamo confondere i due piani …soprattutto se – come penso anche io – sia gravissimo (non grave ma gravissimo) dare del “negro” in modo offensivo ad un’altra persona.

    Anche la giustizia sportiva prevede che in questo…di particolare gravità necessitino più indizi serie e concordanti.

    Io, onestamente, non posso dire cosa sia realmente successo e pertanto, nonostante abbia in grandissimo odio il razzismo e le offese razziste, non posso, proprio per questo motivo solo affidarmi ad una dichiarazione di uno che nella bolgia di 80.000 persone urlanti può anche avere capito male.

    Considerato anche che Acerbi neanche si è scusato di quel che gli si attribuiva sul momento.

    La “nipote di Mubarak” fa riferimento a ben altra situazione con ben altri quadri probatori, testimonianze e quant’altro rende veramente ridicola quella scusante.

    Scusa ma io sono convinto della sincerità della tua convinzione, del tuo sdegno e del tuo idealismo…ma devi anche avere considerazione di chi è idealista come te in fatto di razzismi ma nel contempo è idealista anche in fatto di Stato di Diritto.

    E te lo dico da persona distante assai politicamente e idealmente dall’ipergarantismo peloso di chi si è uscito fuori la storia, veramente ridicola, della “nipote di Mubarak”.

    Senza polemica…ma con rispettosa fermezza.

  9. giardinero9cruz scrive:

    Anch’io ero d’accordo con la pena esemplare, le 10 giornate di squalifica, con annessa rescissione del contratto… ma ovviamente solo in presenza di prove certe o di ammissione di colpevolezza dello stesso Acerbi.

    Così si sarebbe creato un precedente troppo grave ed inquietante.

    Ora mi aspetterei una conferenza stampa buonista, con qualche ragionevole spiegazione in più da parte del “buon Francesco”…

    Siamo anche in quaresima 🙏

  10. Maura scrive:

    Ci sono leggi che, non potendo essere effettivamente messe in esecuzione, diventano strumento di ingiustizia. Se in tutti gli sport di contatto si punissero TUTTI gli insulti discriminatori, alla terza di campionato non ci sarebbero più giocatori da schierare. Ripeto TUTTI gli insulti discriminatori e politicamente scorretti. Da Gobbi a Crucchi, da non fare la femminuccia a gioco maschio. Che il razzismo non è solo quello contro gli africani. Siccome non si può, dai giornali di Elkan lanciano un caso, suffragato da De Laurentis ( vedere intervista di sua sorella ad “amore criminale svenuto”) e le belle anime , anche interiste, chiedono una dimostrazione che il calcio non è razzista. Col coretto dei noti corretti tifosi juventini e napoletani cos quali í Sensibili. Intanto in tv si gioca va in onda lo spot della Nazionale col dirigente Boja chi molla Buffon, alberghi coi camorristi Cannavaro, e Chiellini. Scusi, Settore, ma proprio non concordo.

  11. Maura scrive:

    Scusate gli errori, la tv inserisce parole

  12. Riccardo scrive:

    Caro Settore,

    Da fervente, anzi no, da fanatico anti-razzista quale sono; da cittadino che, di pancia, avrebbe molto voluto, moltissimo, vedere colta l’occasione di punire in maniera esemplare (e magari anche costruttiva e riparativa, ma questa è un’altra questione) qualcuno che probabilmente oltre ogni ragionevole dubbio si è macchiato di un atto spregevole; da tifoso irreparabilmente amareggiato nel rendersi conto che certo schifo lo abbiamo anche in casa nostra

    Ti chiedo

    Siamo veramente sicuri di voler venir meno al principio dell’innocenza per insufficienza di prove?
    Chiariamo questo fatto: per me Acerbi ha chiuso con l’Inter. In cuor mio penso che abbia davvero fatto quello di cui è stato accusato, perché molti indizi (indizi, non prove) portano a pensare che le cose siano andate così. Fossi l’allenatore troverei il modo di sostituire Acerbi da qui a fine campionato, e fossi la società a fine stagione troverei il modo di salutarci.
    Ma allenatore e società non sono i rappresentanti della giustizia, e la giustizia non deve basarsi su valori, ma su principi.

    Il principio, per quanto mi riguarda, deve essere SEMPRE quello per cui se non ci sono le prove non si può condannare, anche al netto delle terribili conseguenze che il rispetto di questo principio può portare.
    Perché a mio avviso, le conseguenze del mancato rispetto di questo principio potrebbero essere di gran lunga peggiori. Perché personalmente penso che un innocente “in carcere” sia peggio di un colpevole in libertà.
    Io non voglio più Acerbi nell’Inter perché non rispetta i miei valori, ma penso che abbia il diritto di godere di principi a cui non bisogna rinunciare mai.

    Con sincera e profondissima stima, questa volta (la prima, in 22 anni) in disaccordo con te.

    Ric

  13. neroazzurro-rosso scrive:

    Come di consueto, il mondo si divide in “colpevolisti” e “innocentisti” senza la minima certezza di cosa sia effettivamente accaduto tra i due, di cosa si siano veramente detti l’un l’altro.

    Però bisogna cacciare dallo spogliatoio Francesco Acerbi perché, nel nostro piccolissimo universo, si è certi, al di là di ogni ragionevole dubbio, che abbia effettivamente dato del “negro” a Juan Jesus.

    Nessuno, tra compagni, avversari ed arbitri ha sentito cosa si siano detti ma tant’è, la mia convinzione vale molto di più, Acerbi deve essere quantomeno panchinato fino a fine campionato.

    Già mi fa sufficientemente cagare il fatto che, in ambito sportivo, sei tu accusato a doverti scagionare e non l’accusatore a dover suffragare la sua tesi, se poi ci mettiamo anche il non voler tenere in considerazione minimamente la teoria del “innocente fino a prova contraria”, non c’é che dire, fa bene la moglie di Acerbi a commentare con un “Adesso sciacquatevi la bocca”.

    AMALA.

  14. Carlo scrive:

    concordo in pieno con settore.
    Va bene che siamo contenti di avere a disposizione il nostro difensore per le prossime partite, ma in questo momento provo un immenso imbarazzo.
    E’ vero che nessuno, tranne i diretti interessati, sanno cosa è davvero successo.
    E’ vero che non ci sono prove.
    Però ci sono 2 certezze:
    1) Acerbi ha chiesto scusa, in campo, a Juan Jesus (sia prima che lo richiamasse l’arbitro che dopo)
    2) Acerbi si è difeso sostenendo di aver pronunciato la frase “ti faccio nero”
    A questo punto mi piacerebbe capire per cosa ha chiesto scusa… forse si è scusato di aver usato un’espressione che non sentivo più da quando leggevo i fumetti di Tex Willer (ma forse nemmeno lui la usava).
    Rimane l’amarezza per una vicenda che, a prescindere dalla sentenza sportiva, fa emergere una diffusa mancanza di sensibilità su questo tema.
    Anche qui, in questo blog, leggo che qualcuno si pone il dubbio se “negro” sia sempre una espressione razzista, che tutto sommato non si può punire ogni insulto razzista altrimenti non gioca più nessuno, etc.
    Non so se la sentenza sia giusta o no… ma so che mi sento in imbarazzo.

    • GuS scrive:

      Carlo, io come te Sector lo capisco perfettamente, e come te provo imbarazzo.
      Non credo il nostro ospite legga i commenti, ma nel caso spero abbia avuto una piccola consolazione nel veder almeno in minima parte rappresentato il suo sentire, così profondamente minoritario nel blog (e nel paese, ma ehi amigo, c’è la dittatura del politicamente corretto, che ha sostituito con un colpo di mano quella del proletariato).
      Ti faccio nero…Torniamo a parlare di calcio và, che è meglio.

    • Spillo scrive:

      Ma se Ace avesse detto “pezzo di m****, ti faccio nero”? Scuse doverose. Messaggio deplorevole. Ace dice la verita’. Non ci vedo razzismo.

    • Cipe64 scrive:

      Scusa ma Acerbi non si è affatto scusato per un insulto razzista.
      Questo lo riferisce l’arbitro che era lì…

      Fosse stato altrimenti anche io propenderei per la tua conclusione.

  15. Spillo scrive:

    Secondo me il messaggio che dare del n**** a un altro è una cosa pessima, squallida, anacronistica e’ passato ampiamente. Chi non capisce questo messaggio ha problemi che il calcio, la giustizia sportiva e i media non possono risolvere. Pero’ la pena esemplare si puo’ dare solo se si e’ certi della colpevolezza. Non si puo’ dare basandosi solo su quanto sentito da JJ.

    Se Ace avesse detto “marca il nero”, sarebbe stato accettabile? Per me si’. Non e’ bello identificare una persona per la sua carnagione ma sul campo da calcio bisogna essere rapidi e chiari nella comunicazione.

    10 giornate di squalifica e l’eventuale rescissione del contratto anche se avesse detto n****, per me sarebbero state inutili e eccessive. Sarebbe stato meglio farlo giocare a calcio ma fargli chiedere scusa, farlo partecipare a incontri nelle scuole, farlo diventare testimonial della lotta al razzismo. Nella vita si possono fare errori e la pena non deve essere eccessiva.

    E comunque io sono certo al 100% che lui non sia razzista a prescindere da cosa abbia detto. Dare del n**** e’ segno di ignoranza, maleducazione, leggerezza. E’ una cosa pessima, squallida, anacronistica ma non sempre e’ sinonimo di razzismo. Il razzismo e’ quello che impedisce a due di colore diverso di giocare a calcio insieme, di mangiare insieme, di condividere lo spogliatoio, di ridere e festeggiare insieme. Ace fa tutto questo senza problemi e con il sorriso con compagni di tutti i colori e culture.

    • Ivan Zamorano scrive:

      Spillo, credo che l’ultimo capoverso del tuo commento sia esemplare e centri perfettamente il senso della questione, che non mi pare sia messo a fuoco da nessuno.
      Un conto è la maleducazione, l’ignoranza, etc.etc; altro è il razzismo. Il razzismo è credere nella superiorità di una razza su un’altra, avvantaggiare uno anziché un altro per il colore della pelle; prevedere ingressi o autobus separati; non assumerti al lavoro. Sono cose serie, cose gravi. Ed è una montagna di sterco, sono d’accordo.
      Ma usare quel termine (che a mio parere, sbaglierò, Ace ha usato) non è razzismo. È dispregiativo? Sì, o quantomeno usato per insultare, ma non è vero che chiunque lo usi sia razzista, non più di quanto chiunque usi un qualsiasi insulto stia pensando a cosa significhi davvero ciò che sta dicendo.
      Mi spiace per Settore, che illumina le giornate interiste, ma non sono d’accordo con lui e con tutti gli indignati – di qualunque squadra – che straparlano di razzismo confondendo totalmente i piani.
      Magari ci sarà tempo per poter discutere pacatamente ed illustrare le proprie opinioni, e poter argomentare che quando mi capitò (in passato, ora cerco di non usarle più) di usare espressioni tipo “e che diavolo sei pure N, corri!” non stessi facendo del razzismo…ma non mi pare il momento opportuno.
      Concordo con Settore solo sulla sua chiosa: siamo tifosotti, questo non cambia: ma quando si parla di cose così importanti, ragionare di pancia non aiuta mai

    • Francesco89 scrive:

      +1

  16. Geppetto57 scrive:

    Nel frattempo in Spagna – Brasile, assegnato un rigore alla Spagna “modello Barella”.

  17. Geppetto57 scrive:

    Vorrei provare il coefficiente aerodinamico di Cucurella con e senza capelli per capire quanto guadagnerebbe in velocità di punta.

  18. Alex scrive:

    Niente, insomma: Acerbi quell’offesa deve averla detta per forza. A me la successione dei fatti e l’espressione stessa del viso del nostro difensore quando Juan Jesus gli riferisce probabilmente dell’offesa percepita, porta a far pensare che sia plausibile che ci possa essere stato un fraintendimento. Capirei se Acerbi avesse insistito con le offese per alcuni secondi, invece sorride e si scusa subito; di che cosa lo sanno solo loro due. Inoltre, il nostro, gli indica subito Thuram, sorridendo. Spiaze, come direbbe il nostro Mister, perchè il post parte con “Va bene, mi arrendo, ho perso, chiedo scusa ad Acerbi” e poi va a cascare (guarda caso) su Ruby e compagnia bella. Le sentenze, in uno Stato democratico di diritto, si rispettano, anche se possono essere imperfette e possono non piacere per varie ragioni. Quando Ibra apostrofò Lukaku con epiteti ben più pesanti facendo riferimento anche alla madre e riti Wudu, mi era sembrato ben più grave; e infatti Romelone si incazzò come una bestia. Ma quasi nessuno, mi pare, chiese “la testa” di Ibra con tanta veemenza (Ah già: era “Sua Maestà Ibra). Reazione ben diversa da quella di Juan Jesus, al momento; l’ha fatto il giorno dopo “a scoppio ritardato”, affidandosi solo ai social dopo avere appreso le parole di Acerbi, il quale ha confermato che c’era stato un battibecco ma che non aveva proferito nessun insulto razzista. Quindi non si capisce in che cosa Acerbi avrebbe sconfessato il difensore del Napoli, che aveva bollato lo scambio come “fatti di campo”. Ma se ti danno del “negro” con cattiveria e convinzione, secondo me ti dovresti incazzare, molto e anche subito. Contrariamente all’autore, col quale, mi spiace dirlo, non concordo sul contenuto del post, penso invece che l’episodio possa servire comunque a far riflettere molti, non solo i giocatori; proprio perchè accaduto nel mondo “Bananas” del calcio, criticabile fin che si vuole, ma che si conferma una cassa di risonanza piuttosto notevole. Sono invece assolutamente d’accordo con Denny e con chi dice che i migliori giudici di Acerbi saranno i suoi compagni di spogliatoio, in particolare modo Thuram, Dumfries e Bisseck.

  19. Cipe64 scrive:

    Adesso tutti ad inventare la storia di un precedente pericoloso che obbliga l’offeso di dover avere la prova dell’offesa.

    Sabatini in testa come al solito al comando dei sepolcri imbiancati.

    Non è una novità, come scritto in sentenza, che in questi casi sia così sempre stato anche per la giustizia sportiva. In sentenza si cita anche il riferimento normativo.

    In sentenza si legge che, sanzioni gravi per fatti così gravi, devono essere motivate da un.. “un benché minimo corredo probatorio, o quanto meno da indizi gravi, precisi e concordanti in modo da raggiungere al riguardo una ragionevole certezza (cfr. per tutte Corte federale d’appello, SS.UU., 11 maggio 2021, n. 105);”

    Di tutto questo, dall’esame dei fatti non è emerso nulla.

    Nessun precedente…è sempre stato così, e per fortuna dico io.

    Il precedente gravissimo sarebbe stato semmai il contrario: condannare una persona per una cosa così grave senza il minimo riscontro.

    Altro passo importante..

    “Rilevato che nella fattispecie la sequenza degli avvenimenti e il contesto dei comportamenti è teoricamente compatibile anche con una diversa ricostruzione dei fatti,”

    Ovvero la ricostruzione di Acerbi è compatibile con i fatti e prima si parla di un chiarimento tra i due…non di scuse per aver detto “negro” a qualcuno.

    Dalle testimonianze dell’arbitro e di quelli che erano in campo questo emerge.

    Magari domani emergeranno,altre prove ed altri indizi ma, ad oggi non s8mtratta solo solo un fatto di mancanza di prove, ma esiste la concreta possibilità che jj abbia capito male.

    Già da adesso è partito il fuoco di fila dei media e fossi Acerbi inizierei a far volare querele.

  20. Bandini scrive:

    Esiste il giudizio dell’organo preposto, che qui ci dice che uno probabilmente ha mentito ma esiste la possibilità che non lo abbia fatto, e quindi ciccia. Lo capisco.

    Esiste quell’altro giudizio, che non starei a scomodare.

    E poi esiste il giudizio personale. Il mio mi dice che Acerbi quelle cose le ha dette, e poi ha mentito per pararsi le chiappe. Questo non me lo farà mai più vedere come prima.
    A mia figlia, che dell’Inter se ne frega (e mi chiede ogni 5 minuti “papà ma l’Inter qual’è?” ma Diobono dico io, se sono nerazzurri e gli altri sono vestiti di rosso, quale sarà mai?) però aveva una bisnonna Bahiana di origini angolane, dirò questo.
    Che il razzismo, anche solo richiamato in un’espressione, è una merda.
    E che nella vita non ha ragione chi la fa franca, ma chi semmai fa ammenda.
    Oppure chi è innocente, ma appunto poi c’è il giudizio personale.

    La messa è finita, andate ad ordinare le costine, c’è la Perlacher in offerta.

    • GuS scrive:

      Quoto, as usual. Mio figlio (13 anni), più sbrigativamente, ha interrotto la mia arrampicata sugli specchi nel tentativo di spiegare gli sviluppi della vicenda liquidando il tutto con un sommario “vabeh ma se a uno di colore lo prendi per il culo dicendogli ti faccio nero, sei razzista”.
      Grigliata bagnata is coming.

      • Bandini scrive:

        Speriamo nei ragazzi.
        E nell’anticiclone.

      • Maura scrive:

        Considerato che fare nero nulla ha a che fare con la razza ma al colore dei lividi che nei bianchi son più neri, vietiamo la parola nero a prescindere. Dunque, il politicamente corretto suona: i nostri colori saranno l’azzurro e il nativo africano, perché noi siamo sorelle e fratelli del Mondo!

  21. denny71 scrive:

    A parte i giornalai prostituiti e i deficienti gonzi/gobbi, mi fa specie il comunicato del napoli: “siamo basiti”, ma de che, che per condannare qualcuno ci vogliano prove? Io mi sarei aspettato qualcosa tipo “siamo dispiaciuti che non si sia potuta accertare la verità ma continuiamo a supportare il nostro giocatore”, tanto per dire… e poi rovesciano la frittata dicendo che è come dare del bugiardo a juan jesus, cosa che praticamente nessuno ha detto 🤦‍♂️ a me il napoli tendenzialmente sta simpatico, ma a sto giro possono andare affanculo pure loro

  22. Alex scrive:

    Altra puntata. la “Cazzetta dello Sport” dice che Gravina potrebbe impugnare la sentenza secondo l’articolo 102 del codice di giustizia sportiva che cita:«il Presidente federale può impugnare le decisioni adottate dal Giudice sportivo nazionale quando ritenga che queste siano inadeguate o illegittime» aggiungendo, come commento, “Chissà che Gravina non voglia dare un altro segnale forte”. Direi che Gravina dovrebbe chiarire prima di tutto perchè Acerbi, che aveva parlato con Spalletti che ha dichiarato di avergli creduto, sia stato rimandato a casa dalla Nazionale (meglio per noi comunque) prima di una qualunque sentenza di colpevolezza; altro che segnale forte. Se fossi in Acerbi lo darei io il segnale forte, rinunciando alle prossime convocazioni della Nazionale, Europei compresi, visto che la FIGC non si è sentita in dovere di scrivere almeno due righe non dico per scusarsi con Acerbi, ma almeno per commentare l’accaduto. Oltre a querelare tutto lo sudio della DS e quelli che si sono accaniti apostrofandolo come razzista prima del pronunciamento di uno straccio di sentenza, devolvendo poi il ricavato ad associazioni che si battono per la lotta al razzismo. Poi ognuno è libera di vederla come gli pare e di valutare Acerbi come gli pare; ma nel suo privato. Compresa la S.S.C. Napoli che ha emesso un comunicato per il quale io rimango basito.

  23. Cruz Pallone d'Oro 🖤💙 scrive:

    Premessa: se dovessi scommettere dei soldi ed esistesse una ipotetica prova certa di quanto accaduto, “a naso” li punterei sulla colpevolezza di Acerbi prima che la prova venga svelata.
    Poi, però, leggo la sentenza della Procura Generale (massimo esempio di cerchiobottismo), secondo la quale:
    – Non esistono immagini in cui si vede Acerbi che pronuncia la frase razzista;
    – Non esistono testimonianze di giocatori (nemmeno quelli del Napoli) che accusano Acerbi di aver pronunciato la frase razzista;
    – L’arbitro e i suoi assistenti non hanno sentito alcuna frase razzista;
    – Nell’audio tra l’arbitro e il var, che registra anche le conversazioni con i giocatori, non c’è alcun riferimento che confermi la natura razzista del diverbio;
    e quindi tutti si aspettavano, in questi 9 giorni, una condanna di Acerbi a furor di popolo per una frase che nessuno ha mai sentito, senza quindi uno straccio di prova, se non le lamentele di Juan Jesus.
    Ripeto: ho l’impressione che Acerbi abbia sbagliato. Ma non si può mai condannare una persona sulla base delle impressioni, nella giustizia sportiva così come in quella civile o penale. Meglio un colpevole a piede libero che un innocente in galera.

  24. Enzo Primo scrive:

    Posto che non mi occupo di giurisprudenza (lascio fare a coloro che hanno studiato la materia), mi sorge spontanea una domanda: se Acerbi non fosse un tesserato dell’Inter, secondo voi le PI avrebbero sprecato tutto questo tempo a spalare letame contro il calciatore e l’Inter stessa?
    Lo chiedo per un amico.

    • Militus scrive:

      No Enzo, fermo restando che l’episodio è riprovevole e che mi resterà sempre il dubbio di cosa sia realmente accaduto, credo che sarebbe finito tutto in un paio d’ore.

  25. Marco Bianchi Carnevale scrive:

    Oggi razzista è un epiteto che nel lessico dei radical (come te, non dire di no…) ha sostituito omofobo (….che era the new “fascista!”). Razzista è colui che crede nella superiorità di una razza umana (bianca, gialla, nera o blu non importa) è non credo che acerbi sia questo. Ad ogni buon conto in mancanza di prove certe se non sbaglio si assolve ed alla fine non so se dare del negro a uno sia più grave che dargli del figlio di….
    cosa che capitava sempre al buon vecchio matrix senza che nessuno facesse le crociate.

  26. mare scrive:

    Non ho profili social, ma ieri sera per curiosità mi sono fatto un giro per capire che aria tirava.
    Se sommo quello che ho letto sui social ai vari titoli e articoli dei giornali, mi resta il dubbio di cosa sia successo, mentre ho maturato una certezza assoluta, che il 99% di quelli che trattano questo argomento mettendo davanti il tema razzismo per gridare allo scandalo in realtà si capisce perfettamente che del razzismo frega zero, ma zero assoluto.
    È evidente che il loro vero obt, che dura ormai da mesi, è denigrare in qualsiasi maniera l’eventuale seconda stella.

    È una cosa che brucia talmente tanto ai milanisti(che li anticipiamo) e ai gobbi(quel “cartone ” mai perdonato…) che non fanno altro che sputare veleno da mesi.

    Questa è la realtà e nascondersi dietro al razzismo solo per attaccarci è davvero miserevole.

  27. Mick scrive:

    Che ai milanisti bruci da morire è poco ma sicuro, anche per la prima stella li abbiamo preceduti di ben tredici anni, pur essendo l’Inter più “giovane” di fondazione di nove anni; dei tifosi gobbi non dico niente perché non meritano neanche la minima considerazione

  28. Jamescott scrive:

    non so che dire , se non che è positivo poter discutere ed esprimere le proprie idee.
    Due considerazioni.
    1. molti danno per scontato, per certo che Acerbi abbia detto non quello che dice di aver detto, ma la famosa parola con la N che non si può pronunciare. Ora, avendo avuto modi di fare dei lavori di ricerca in carcere, ho notato che spesso una persona incarcerata non si proclama colpevole, e razionalizza in ogni modo quello che ha fatto per dimostrare di non aver fatto quello per cui è accusato o per darsi delle attenuanti. Lo fanno loro e probabilmente lo facciamo anche noi certe volte , e probabilmente lo ha fatto Acerbi. Probabilmente non vuol dire però sicuramente. E vorrei capire perché diamo per certo una cosa che solo Juan Jesus ha detto di aver sentito. Posso ipotizzare che JJ sia in buona fede perché spesso sentiamo quello che temiamo di sentire. E questa frase che può sembrare retorica, in realtà è confermata da studi che mostrano come chi è vittima di pregiudizi interpreta gli stimoli ambigui in modo coerente con il pregiudizio di cui è fatto oggetto- e la frase che anche Acerbi afferma di aver pronunciato è ambigua perché dice e non dice di un intento razzista. Inoltre anche i lavori di ricerca sulle false memorie, ossia delle memorie di chi è certo di aver visto o sentito cose che non si sono verificate, non sono propaganda di complottisti o seguaci delle sette più reazionarie, ma hanno una base scientifica che dovrebbe comunque far riflettere.
    2. Non mi riesco a togliere dalla testa il fatto che un enunciato ha valore all’interno del contesto che viene detto. Anche nella Bibbia c’è scritto “Dio non esiste”, ma subito dopo chi ha scritto questo aggiunge ” dice lo stolto”. Il contesto decide il significato non semantico ma pragmatico delle parole. Le poche volte -ahimè- che mi è capitato di avere incontri intimi con donne di cui ero invaghito ho ben presente che le stesse donne fieramente femministe, autonome, ipercontrollate ed emancipate, nel talamo mi dicevano e certe volte quasi richiedevano che io mi rivolgessi a loro con parole che fuori da quel contesto le avrebbero fatte incazzare. E mai dopo la fine di quei momenti a loro è venuto in mente che io le avessi trattate senza rispetto. Perché il contesto era chiaro, era condiviso, e certe parole o azioni o richieste avevano un significato , ma solo in quei pochi o tanti minuti che ci eravamo concessi.
    Per me Acerbi e JJ non condividevano lo stesso contesto, e su questo sto tutta la vita con JJ. Non credo che Acerbi volesse insultare realmente JJ in quanto persona di colore, ma l’idea che in un campo di calcio si debba leggere il contesto come una sorta di ” quando si gioca si fa tutto, si dice di tutto poi finita la partita tutto finisce e andiamo a bere insieme ” la trovo una assunzione che sarebbe ora di superare.
    Scusate la lunghezza.

    • GuS scrive:

      Peraltro assunzione superata in buona parte dei paesi cosiddetti civili (che però a quanto pare vivono sotto il tallone cieco e feroce della dittatura semantica).

  29. Maura scrive:

    Nel 2018 Cristiano Ronaldo fu accusato di stupro in America…un reato molto più grave di quello di Acerbi…in quel caso però giornalai e giudici da tastiera non li ho sentiti urlare che nelle file della rubentus ci potesse essere uno stupratore… pero’ tutti hanno la certezza che Acerbi sia un razzista 🤷

  30. Mick scrive:

    Tornando ad Acerbi, sarebbe interessante, tra il serio ed il faceto, analizzare le immagini dell’ azione durante la quale JJ sarebbe stato apostrofato, cosa alla quale credo al 99,9 per cento per inciso, e capire se e quali giocatori fossero abbastanza vicini da aver sentito le frasi incriminate, dopodiché, nel caso, procedere ad approfonditi esami dell’ udito per i suddetti ed eventualmente trarre le dovute conclusioni.
    Se poi è vero che chi si fa i c…i suoi campa cent’anni è anche vero che in certi casi l’omertà non fa molto onore e qui si tratta di debellare comportamenti divenuti ormai inaccettabili e indifendibili…

    • GuS scrive:

      …eh caro Mick, “comportamenti divenuti ormai inaccettabili e indifendibili” ma
      perlopiù accettati e difesi. Minimizzati e contestualizzati.

      • Mick scrive:

        Guarda Gus, io posso anche credere che nella trance agonistica possa scappare qualche parola di troppo senza realmente pensare quello che si sta dicendo, ma deve esserci un limite e con gli insulti razzisti siamo secondo me decisamente oltre il tollerabile quindi a questi livelli non ammissibili.

        • GuS scrive:

          La penso come te. La trance agonistica un misero alibi che non giustifica la mancata assunzione di responsabilita dei propri gesti (una gomitata in faccia) e del proprio linguaggio (un insulto).

  31. Scetticonerazzurro scrive:

    Quale sia la mia opinione a proposito della questione Acerbi, l’ho espressa nel blog in più occasioni. Tra l’altro , mi ha fatto entrare in polemica con un amico del blog, che stimo e con i cui giudizi quasi sempre concordo ( meno male che le belle vittorie di Sinner hanno giovato a ristabilire il sentire comune, vero GuS ? : lui sì modello di corretto comportamento per i giovani d’oggi ). A mio parere, certamente colpevole Acerbi, ma la punizione era spropositata rispetto alla colpa commessa, soprattutto per le conseguenze connesse: licenziamento dalla società e probabile fine della carriera del giocatore trentaseienne, che non meritava un trattamento simile dopo una onorata carriera . Non credo che se la sentenza fosse stata diversa, lo stesso J.J. ne sarebbe stato particolarmente felice. Il suo rifiutare la consulenza di un legale come il patrocinio del Napoli e certe sue affermazioni ( “È una vicenda di campo da gioco, da uomini…) mi ha spinto a pensare , mettendomi nei suoi panni, che poco avrebbe gradito una condanna troppo severa, non avendo all’inizio pesato le conseguenze della sua denuncia e che quindi a quattr’occhi col giudice avesse reso meno grave la colpa del giocatore della sua ex squadra. Comunque sia, la canea di polemiche suscitata dalla vicenda e che temo continuerà a lungo, mi è sembrata del tutto sproporzionata all’importanza della vicenda stessa. Si voleva che la colpa venisse punita in maniera esemplare, facendo del giocatore, per di più di una squadra poco simpatica, il capro espiatorio di tutte le nefandezze che si commettono in campo, a volte di gran lunga più violente di quella di cui Acerbi si è reso protagonista. Dalle polemiche unidirezionali ho tratto di nuovo la consapevolezza che l’opinione pubblica poco ci ama e non ne capisco la ragione, quasi che lo scudetto che ci aspetta fosse immeritato , come premio ad una società e ad una squadra tenuta in piedi da artifici finanziari che da tempo avrebbero dovuto condannarci al fallimento . Anche domenica sera, nei commenti post partita nel canale che l’aveva trasmessa, ho avuto questa sensazione di scarso riconoscimento dei meriti dei nostri giocatori, ben cinque chiamati a tener in piedi la baracca e impiegati almeno quattro a trainar la carretta per tutti i novanta minuti: nei commenti dei giornalisti intervenuti , i nostri, tranne Barella citato di necessità per lo splendido gol fatto, neppure ricordati per nome, come non avessero preso parte alla gara. In compenso grandi elogi di tutti gli altri, in particolare alla prova maiuscola di Pellegrini, vero protagonista della gara e della domenica calcistica . Ora, io credo di non soffrire affatto della sindrome di complottismo a nostro danno e tuttavia non capisco questo accanimento nel sottolineare quasi ad ogni partita qualche vicenda da portare a testimonianza di presunti favori di cui godrebbe la nostra squadra, particolarmente protetta e destinata a vincere senza alcun merito. Vedremo se riusciranno a rovinarci la festa, intendo a noi tifosi, anche di questo nuovo scudetto , dopo l’infelice conclusione degli ultimi due con la fuga dei rispettivi allenatori e col rischio incombente della vendita dei più forti, sostituiti da altri vantati come di pari valore, anzi migliori, degli scudettati.
    Felice giornata.

  32. Cipe64 scrive:

    Solo per aggiungere che se la presunzione di innocenza deve valere, in termini di onestà intellettuale, anche per le opinioni che qui si sono alternate sempre in modo civile e rispettoso sulla questione.

    Sorelle e Fratelli Interisti, che siano innocentisti, colpevolisti e agnostici (come me), penso meritino tutti il massimo rispetto per le loro opinioni.

    Voglio sottolineare che questo rispetto qui, da occasionale frequentatore, l’ho trovato come sempre, anche discutendo di temi scivolosi e coinvolgenti come quello di cui si è parlato in questo caso.

    Detto questo, la pausa è stata tremenda dal punto di vista degli attacchi mediatici di organi di informazione verso i quali non ho lo stesso rispetto che ho per gli utenti interlocutori di questo blog.
    Gli attacchi continuano e continueranno sulla base dell’assioma falso delle presunte scuse per insulto razziale…scuse che non ci sono state per quell’insulto.
    Continueranno anche sulla base della falsità di un trattamento del caso non contemplato nella giurisprudenza sin qui raccolta.
    In questi casi si è SEMPRE usato lo stesso criterio…basterebbe informarsi leggendo le sentenze.

    Si esce da questa pausa terrificante con una verità processuale (fino a prove contrarie che potrebbero emergere in altri gradi di giudizio) che restituisce Acerbi alla causa …sperando che esca indenne psicologicamente dal tritacarne in cui è stato messo;
    si esce con dei conti più che a posto;
    si esce con conseguenze da infortunio meno gravi per Sommer e De Vrij di quel che si poteva temere.
    🤘🤘🤘
    Massimo rispetto per le opinioni di tutti qui (ci tengo a sottolinearlo ancora)…ma io resto nel dubbio. Se il Club cederà poi Acerbi senza apparente motivo…magari ci ripenserò…

    Forza Inter…torno a leggervi di nascosto.

  33. GuS scrive:

    Ciao @Scettico, nessuna contrapposizione dialettica potrai mai scalfire stima e affetto nei tuoi confronti.
    Sinner un modello per i giovani, concordo (un piacere vederlo misurarsi in carrozzella con un campione del tennis paralimpico l’altro giorno a Miami). E per questo temo a breve detestato da molti (che già gli rinfacciano residenza a Montecarlo, critica che peraltro condivido).
    Quanto alla nazionale che addirittura cambia gioco per adottare il “modulo Inzaghi” vista la presenza del blocco nerazzurro (con risultati evidenti tra prima e seconda amichevole) nel silenzio imbarazzato della critica sportiva, che dire…ai tempi del triplete era uno scandalo nazionale un’Inter che vinceva “senza neanche un italiano!!!”.

  34. black&blue scrive:

    Alla fine della fiera entrambi verranno considerati dei bugiardi: JJ per le accuse fatte, Acerbi per aver negato. Il giudice tuttavia, avrà scandagliato in lungo e in largo quando e come il fattaccio possa essere avvenuto (forse durante quegli strattoni tra i due circolati in tv?) e non ne ha trovato traccia sicura, per la quale allo stesso JJ è stata riconosciuta la buona fede (non è certo, ma non te lo sei inventato, forse hai equivocato).
    Chi sostiene ad cazzum che questa sentenza stravolga il modus operandi del giudice sportivo (Sabatini, uno a caso…), invertendo l’onere della prova come minimo non ha capito niente. Come i gobbi che sostengono che per calciopoli non ci fossero prove, invece c’erano eccome (mesi di intercettazioni) e infatti il loro avvocato non potè negarle.

    • Cipe64 scrive:

      Veramente tante cose si continuano a sostenere ad cazzum su questa storia nonostante i risultati dell’istruttoria…oltre a quella citata da te.

      Una su tutte il miraggio per cui Acerbi si sia scusato a caldo per una offesa razzista, cosa che diventa l’indizio forte nel ragionamento che porta alla sentenza (sommaria) di necessaria colpevolezza.

      Io onestamente considero aperta ogni possibilità…so di non potere accettare al 100% l’una o l’altra tesi.

      Magari domani uscirà una registrazione o una testimonianza attendibile che inchioderà Acerbi alle sue responsabilità ma, ad oggi, l’unica cosa certa in questa vicenda è che l’immagine di questo giocatore resterà macchiata per sempre da un processo mediatico sommario basato su presupposti errati.

  35. Militus scrive:

    Dai vari interventi sul blog ho potuto constatare che il tema è certamente divisivo e declinabile in varie sfaccettature, anche se tutti concordiamo sul fatto che certi comportamenti in campo, e soprattutto nella vita, vanno stigmatizzati. Ad ogni modo, comunque la pensiate, che ne dite di chiudere qui la querelle Acerbi-JJ (non vi preoccupate, i pennivendoli continueranno a ricamarci sopra almeno fino al derby) e cominciare a concentrarci su un Fiorentina-Milan dal cui risultato dipenderà inevitabilmente il tipo di gara che faremo lunedì contro l’Empoli? Magari, se i gonzi non dovessero vincere, i nostri potrebbero giocare più liberi mentalmente dopo le solite vagonate di letame che periodicamente ci gettano addosso e gli infortuni che le varie nazionali ci hanno restituito. Se malauguratamente i gonzi dovessero farcela, invece, ci resterebbe un solo risultato da fare contro l’Empoli. Fortebraccio e Francesco, cominciate a prepararvi.

    • Alex scrive:

      Concordo in pieno Militus: tanto quando ci sono “in ballo” certe questioni si può anche discutere per giorni che tanto ognuno resta della sua opinione. Da tutte le posizioni sostenute è emerso, direi praticamente all’unanimità, che il razzismo sia assolutamente da stigmatizzare e da combattere (e ci mancherebbe!). E’ sulle “sfumature” che sono emersi i contrasti, sul fatto cioè che sia possibile che il brasiliano abbia frainteso e sul fatto che, qualunque cosa abbia detto, l’intento del nostro giocatore fosse convintamente discriminatorio, tale da meritarsi la “pena capitale”. Vuoi che ti dica la mia sulla partita che hai citato? Te la dico subito: per me la Viola SI SCANSA.

  36. TOTO scrive:

    Che si scansi o no, che perda il bbilan o no, l’unico risultato utile a Pasquetta 😁 è 1 fisso, meglio se con goleada.

    Passi uscire dalla CL.
    Passi pareggiare in casa con i detentori.
    Ma se non vinci con l’Empoli in casa allora sì che alimenti le speranze di tutti quelli che fingono di volere un campionato equilibrato ma in realtà vogliono con tutte le forze che non lo vinciamo noi.
    Poche storie, quindi, a prescindere dal risultato di sabato.

  37. mare scrive:

    Bravo Militus!
    Torniamo a parlare della nostra squadra, quella che ha dimostrato di essere la piu’ forte in Italia, quella gioca un gran calcio, quella che sta facendo schiattare milanisti e gobbi.

    Testa all’Empoli con lo stadio per l’ennesima volta strapieno a dimostrazione della voglia dei tifosi di vedere giocare questa Inter.

    Evviva l’Inter

  38. neroazzurro-rosso scrive:

    Comunque la si voglia pensare, la cosa certa è che, d’ora in poi, Acerbi verrà subissato di fischi ed improperi ovunque andrà a giocare.

    Si ritira fuori la storia del dito medio mostrato alla curva della rometta (senza volerne capire il perché) e ci si aggiunge il carico da undici del presunto razzismo.

    Auguriamoci che il “sistema calcio” non si metta in testa di riparare alla pilatesca sentenza intervenendo a gamba tesa sull’andamento delle prossime partite.

    Io mi aspetto il peggio del peggio, auspicando che i nostri baldi giovanotti comincino a mettere la palla in rete ad ogni occasione, così da zittire chiunque.

    AMALA.

  39. GuS scrive:

    Faccio volentieri mio l’invito di @Militus (ma quanto è durata sta pausa nazionali…un mese?) ma temo che per quanto la si voglia chiudere qui dentro, la vicenda avrà ulteriori strascichi ambientali per il giocatore e di riflesso per l’Inter. A livello di immagine il danno è stato pesante e come ci siamo detti mille volte, questo è l’epoca in cui devi saper gestire la comunicazione. Mi aspetto qualcosa di importante dalla Società, sotto questo profilo.

  40. Geppetto57 scrive:

    Pensieri in libertà, senza voler offendere nessuno. 1) In fin dei conti, noi saremo liberi di pensare quello che vogliamo sulla famosa frase (o non frase) di Acerbi, il pubblico pagante delle prossime partite dell’Inter ugualmente libero di fischiare ad ogni suo tocco, i pennivendoli di tirare fuori a loro piacimento l’argomento quando gli farà comodo ecc. ecc. Resta il fatto che la montagna ha partorito il classico topolino che non accontenta nessuno. I dubbiosi sono rimasti tali, i colpevolisti non si sono mossi dalle loro posizioni e i tifosotti, forse (?) accecati dal tifo pure. The show must go on. 2) Pensate che sia finita così? Che non arrivi qualche paladino improvvisato a dare nuovo slancio alle polemiche, fomentato dai soliti giornaloni, fin quando non ci piglieranno a sassate il pullman o a mazzate qualche gruppo di tifosi in trasferta, per esempio, l’anno prossimo a Napoli? 3) Dopo, ma solo dopo, partiranno le geremiadi del “non potevamo prevedere”, “la situazione ha preso una piega imprevista”, “abbiamo fatto il possibile”. Intanto avanti a scrivere sui giornali tutto e il contrario di tutto cosicchè qualunque tifosotto medio, di qualsiasi squadra, possa andare avanti tranquillamente, convinto delle sue idee. 4) Vincere questo campionato con millemila punti di vantaggio sarà sicuramente sminuito su certa stampa (anche sedicente “milanese”) da questo episodio, per compiacere a quella o all’altra tifoseria. 5) Mi ripeto, perchè il concetto sia chiaro. Vorrei che la dirigenza chiudesse definitivamente la questione, dopo aver consultato il suo tesserato, con un comunicato ufficiale, perchè sinceramente, farci tirare la giacchetta da certi personaggi mi ha già stufato.

    • Enzo Primo scrive:

      Ottimo commento Geppetto!
      Per quanto mi riguarda, qualora dovessi andare a vedere un paio di partite al Meazza entro la fine di questo campionato, una cosa è certa: applaudirò come sempre tutti i giocatori in campo (compreso Acerbi).
      Anzi, sarà facile – dopo tutta la merda che ha ingoiato in questi ultimi 9 giorni – per lui
      i miei applausi saranno più scroscianti.
      Come dite?
      I millemila colpevolisti rimarranno delusi?
      Con tutta franchezza dico che a me fotte sega.

  41. Geppetto57 scrive:

    Parliamo di cose serie : Calabria, parola di capitano: “La seconda stella dell’Inter nel derby? Non accadrà”. E se lo dice lui …

  42. Spillo scrive:

    Se si potesse dire, qualcuno direbbe che il pugno chiuso di JJ (o anche quello di vinicius) sono un richiamo esplicito al movimento Black Power (da cui poi e’ nato il gruppo Black Panther) che promuovevano, tra le altre cose, la rivoluzione armata e violenta dei neri in USA negli anni 60 e 70. Movimento nato in contrapposizione a quello di Martin Luther King Jr che era visto come troppo pacifico. Black Power traeva ispirazione anche dai movimenti rivoluzionari comunisti del tempo e aveva come uno dei modelli anche Mao (non proprio uno tollerante…).
    Qualcuno direbbe che Black Power non e’ un modello di integrazione pacifica tra diverse culture.
    Ma non si puo’ dire e si resta nell’ignoranza. E si conclude che JJ e’ un santo, vittima innocente e Ace un becero razzista. Senza se e senza ma, perche’ il razzismo fa schifo e basta.

    • Geppetto57 scrive:

      Le argomentazioni, ormai, vanno via un tanto al chilo. Se dici una cosa. appartieni a quella categoria; se sposti una virgola passi al campo opposto. Il confronto di diverse opinioni diventa impossibile. Anche se non sei talebano, lo diventi per forza. Boh

  43. Gianfranco scrive:

    Io concluderei il tutto considerando che i tempi per la condanna di Acerbi non erano maturi!!!

  44. giardinero9cruz scrive:

    Tornando ancora una volta sulla vicenda Acerbi, c’è un aspetto che certamente fa riflettere…

    Mentre la società Napoli si è schierata apertamente con JJ, con dichiarazioni ufficiali e conferenza stampa, la società Inter ancora non ha battuto ciglio.

    Bello sarebbe che la dirigenza Inter si facesse sentire a fianco di Francesco Acerbi, prendendo una posizione chiara, nella speranza di chiudere la questione.

    Al momento ancora nulla. Questo silenzio si fa assordante

    • denny71 scrive:

      Francamente trovo che la società napoli, e lo stesso jj, si stanno comportando in un modo imbarazzante. La sentenza per insufficienza di prove è la logica conseguenza del fatto che… non ci sono prove! (scusate la tautologia) che pretendevano, una condanna sulla fiducia? Io all’inizio pensavo che acerbi probabilmente avesse sbagliato, e se fosse stato confermato sarei stato d’accordissimo con una squalifica pesante, ma dopo tutta sta caciara fatta perlopiù da gente a cui del razzismo non frega niente mi viene solo voglia di sfanculare tutti, e una volta tanto forse fa bene la società inter a tenere un basso profilo. Poi voglio vedere quando capiterà un episodio simile che coinvolga altre squadre se faranno un decimo, anzi un centesimo del casino che hanno fatto stavolta (lo so, magno tranquillo)

    • Geppetto57 scrive:

      Secondo me, quest’ultima è LA questione. Se la Società F.C. Internazionale avesse preso il suo tesserato da parte e gli avesse chiesto in modo diretto (cosa che spero sia avvenuta) “Ma cosa hai detto veramente a JJ?” e, valutato l’effetto potenziale della risposta, avesse fatto una dichiarazione ufficiale ed agito di conseguenza, avremmo fatto un figurone. Così passiamo dalla parte dei piccoli omertosi, capisciammè, del detto-non detto, tipico di certi ambienti a cui non vorrei essere accostato.

    • Alex scrive:

      Ormai siamo abituati al fatto che la dirigenza dell’Inter non commenti mai nulla, nemmeno quando siamo stati clamorosamente presi a pesci in faccia come nel caso di Lautaro a Napoli, di Bastoni col Verona, di Sommer con la Fiorentina; e mi fermo qui. Secondo me più che l’Inter, che ha assistito sempre il suo giocatore, contrariamente al Napoli che ha mandato JJ a testimoniare senza l’ausilio di un avvocato e affidando tutto ai social senza che mai nessuno ci mettesse direttamente la faccia (nè Società, nè giocatore), dovrebbe farsi sentire Acerbi in prima persona: lui sì che, contrariamente al brasiliano, è stato accusato di essere un bugiardo e quindi la replica spetterebbe direttamente a lui, più che ai dirigenti. Vedremo gli sviluppi. Definirei fra il tragico e il comico l’assurdità che l’Inter avrebbe fatto sparire le immagini del labiale di Acerbi, perchè “ormai negli stadi tutti vengono controllati, anche se si grattano una mano o fanno uno sternuto”. Siamo veramente alla follia.

  45. Enzo Primo scrive:

    Dopo la conclusione della becera telenovela Acerbi vs JJ, desidero fare i miei complimenti a due fratelli di fede del blog che, durante questi ultimi 10 giorni si sono defilati (volutamente immagino…) e, non si sono schierati (come il sottoscritto) tra innocentisti e colpevolisti.
    Ho apprezzato molto questa loro decisione e in cuor mio mi sento di ringraziarli.
    Sto parlando di Saverio Più e doctor Giorgio.

    Ah, dimenticavo…
    Sono felice che Acerbi sia stato “assolto” da tutti i tribunali sul Globo terraqueo e, per contro, nutro grandissima disistima per lo squallido calciatore JJ.
    Perché?
    Perché non mi è piaciuto l’epilogo del pugno chiuso a simboleggiare il Black Power.

  46. Geppetto57 scrive:

    Sisal da oggi paga l’Inter scudettata … ma non è che vogliono gufare pure loro?

  47. GuS scrive:

    @Militus come volevasi dimostrare…
    Io mantengo il fioretto, ma solo se quelli delle rivisitazioni storiche sul Black Power fanno altrettanto…

    • Militus scrive:

      Lo so, purtroppo anche stamattina sul web si leggono assurdità in merito alla vicenda ed alcuni di noi non riescono a non esprimere il loro disappunto. Ma dovremmo essere abituati, fa parte del solito polverone mediatico che si alza contro la nostra squadra quando non hanno altro per attaccarla. E’ evidente che ce lo porteremo dietro almeno fino al derby. Per quanto mi riguarda, sto cercando di guardare avanti.

  48. Dawide scrive:

    o io sbaglio i conti, oppure mi sfugge qualcosa. Ma come si farebbe a vincere lo scudetto nel derby? Il milan e la juve dovrebbero perdere qualche partita delle prossime e noi vincerle tutte… diversamente non mi tornano i conti.

  49. Dawide scrive:

    Dando per scontato che il derby non ce lo faranno vincere manco morti

    • Enzo Primo scrive:

      Il derby non ce lo devono far vincere.
      Il derby DOBBIAMO vincerlo (sul campo e… fuori campo).
      A differenza degli ultimi derby risolti facilmente, questo mi piacerebbe vincerlo al 98° con autogol di Leao.
      Chiedo troppo?

  50. puff scrive:

    Gravina ha tutelato il brand anche questa volta.

  51. nicco scrive:

    Il pezzo di Sector è molto in linea con i miei sentimenti di questi ultimi giorni. Mi spiace ciò che è successo e la sensazione è quella che si prova dopo una sconfitta brutta. Certo io resto convinto che l’insulto razzista faccia parte di una categoria a sé con implicazioni differenti e molto più gravi rispetto ad altri epiteti usati comunemente per insultare. Sono d’accordo con chi dice che se ci fosse stata la prova la punizione avrebbe dovuto essere severissima, ma anche con chi dice che senza prova una condanna sarebbe stata ingiusta. Ho visto e prendo atto che per altri su qui invece non è così, sia riguardo all’insulto che alla sentenza. Sono opinioni che rispetto al 100% come è giusto che sia. Potremmo discutere a lungo credo ma non sembra proprio il caso…
    Ciò premesso sta sul culo il fatto che su una roba del genere pennivendoli e PI si stanno buttando a pesce per infangare i nostri colori e rovinarci la festa. Quoto in toto Giardinero quando dice che ci vorrebbe una reazione della società o di Acerbi in prima persona, ma credo che non ci sarà.

  52. Francesco 70 scrive:

    Spiace sia finita così. Capisco il giudice sportivo (parola di uno contro quella dell’altro) e la soluzione adottata, ma la Giustizia vorrebbe altro.
    Non mi è piaciuto nulla della questione e si, anche io avrei preferito non avere il nostro centralone pronto per l’ Empoli.
    Di fondo c’è che certe parole non si dicono: non si fa e non si deve fare, punto.

    Chiaramente non perderemo lunedì per questo motivo. Le motivazioni sono ben altre e ormai le conosciamo tutte. Farci riprendere quando avevamo 14 punti di vantaggio dalla seconda a 9 giornate dalla fine. Incredibile, mai successo.

    Altro che 5 maggio.

  53. mare scrive:

    Geppetto,
    Ho letto anche io di questa bizzarra decisione della Sisal di pagare già da oggi le persone che hanno scommesso sullo scudetto dell’Inter.
    Da un punto di vista commerciale non si capisce perché una società si esponga al rischio, magari anche minimo, di dover pagare 2 soggetti anziché uno, perché dovesse vincere il Milan o la Juve dovranno ovviamente pagare anche loro.

    L’unica spiegazione razionale che riesco a pensare è che magari pensano che sia inutile tenere bloccati ancora 2 mesi quei soldi,che quasi sicuramente dovranno sborsare e che magari nel frattempo quei denari verranno in qualche maniera re cuperati(anche in parte) con nuove scommesse.

    Altre spiegazioni commerciali non riesco a darle.

    • Geppetto57 scrive:

      Al di là dell’aspetto commerciale, volevo sottolineare l’aspetto puramente gufologico della decisione. Per scherzare, naturalmente. Spero.

  54. Alex scrive:

    @Enzo Primo.
    Condivido e rispetto al 100% la decisione di Giorgio e di Javier+ di essersi astenuti dai commenti sulla vicenda Acerbi – Juan Jesus. Però, se mi permetti, meritano altrettanta stima coloro che vi hanno partecipato, dal momento che si tratta di un argomento delicato e scomodo, confrontandosi sul quale è molto facile che emergano posizioni contrastanti o addirittura antitetiche e che avrebbero potuto portare anche a contrasti verbali molto più accesi di quanto non si sia verificato. Tutto questo, direi, grazie soprattutto al livello medio di “sale in zucca” e di civiltà piuttosto alto che contraddistingue tutti i partecipanti a questo Blog. Credo che tutti preferiscano confrontarsi su argomenti prettamente calcistici; moduli, tattica, sostituzioni, giocate, anche polemiche arbitrali. Ma visto quello che è successo a un calciatore della Società per la quale facciamo tutti il tifo (e a occhio e croce quasi tutti da molto, molto tempo), personalmente ho ritenuto di non poter non prendere parte alla discussione, anche se mi ha fatto entrare un pò in polemica con qualcuno, che mi auguro non se la sia “legata al dito”. Poi, ripeto: massimo rispetto per chi ha ritenuto di non parteciparvi.

    • Enzo Primo scrive:

      Certamente Alex, rispetto per tutti, ci mancherebbe!
      Io mi sono astenuto, poiché la giurisprudenza non è la mia materia e, onde evitare di fare commenti poco appropriati ho preferito astenermi lasciando spazio ad altri più avvezzi di me.
      Tutto qua.
      Per quanto riguarda Giorgio e Saverio – pur non avendo assoluta certezza – credo abbiano fatto il mio stesso ragionamento.

      Con immutata stima (cit.) 😜

  55. Flavio Mucci scrive:

    Lunedi prossimo (pasquetta) allo stadio di San Siro intorno ore 20,35 durante la lettura delle formazioni si presenterà un grosso problema per i 70.000 presenti,
    nel momento in cui lo speacker enfaticamente proporrà: “E con il numero 15 ,,,FRANCESOOOO ” …
    …che fare?
    Ignorare silenziosamente?
    Fare buuuuu?
    Rispondere Acerbi sottotono o rispondere come sempre ACERBIIII ?
    Io stesso sono combattuto, lo ammetto.
    Alle spalle settimane di polemica , davanti una nuova partita, nella quale Acerbi è uno dei nostri.
    Da sessantottino avrei la tentazione di sospendere lo spelling della formazione per aprire un dibattito per dare voce a tutte le posizioni, ma capisco che ciò metterebbe in dubbio lo svolgimento della partita.
    Al momento in cui scrivo secondo un mio sondaggio interno, al 60 % griderò Acerbi non a tutta ma nemmeno sottovoce, diciamo una soluzione di compromesso.

    • Geppetto57 scrive:

      Abbiamo alcune opzioni:
      1) minuto di silenzio per riflettere su tutta la vicenda
      2) gridare “ACERBI” a tutta per sottolineare lo scampato pericolo.
      3) un minuto di applausi per sottolineare il pensiero “esticazzi”
      Sicuramente ce ne saranno altre, ma lascio ai creativi del blog provvedere alle mie manchevolezze.
      Con immutata stima.

  56. neroazzurro-rosso scrive:

    Mi associo a quanto scritto da Alex.

    Massimo rispetto per chi non ha voluto esternare un suo pensiero ma altrettanto massimo rispetto per coloro che hanno espresso il proprio parere su questa triste vicenda.

    La bellezza del blog è, soprattutto, quella di avere la possibilità per tutti di esprimere la propria opinione sapendo che il suo intervento non verrà censurato, purché resti nei limiti della decenza.

    Ora, come auspicato da alcuni, testa all’Empoli, facciamogliene una bella cifra e fanculo tutti gli altri.

    AMALA.

  57. Gaetano scrive:

    Scusate ma… Giorgio la sua posizione sul caso Acerbi l’ha espressa, eccome se l’ha espressa!
    Devo quindi “correggervi” e lo farà certamente anche lui di persona quando , dopo Inter Empoli, tornerà a scrivere…
    Andate a (ri)leggere ciò che ha scritto Giorgio il 19 marzo ore 9,19 ( nel post ” Non moriremo tutti” ).
    Eravamo (solo) agli inizi di questa vicenda che ha caratterizzato questa (interminabile, mi è sembrata …) “sosta” per le nazionali.
    Era una discussione tra Giorgio e Bandini… , anche piuttosto accesa, direi…
    Me ne ricordo bene… anche se (ovviamente) sono andato comunque a ricontrollare, non è che abbia una memoria così infallibile da ricordami anche il minuto di tutti gli interventi !!
    Me la sono rammentata perchè Giorgio ha espresso ESATTAMENTE quella che è la mia opinione su “politically correct”…
    Giorgio, non hai bisogno di un “portavoce”, nè tantomeno di un avvocato !
    Però , ci tenevo a ricordare quello che avevi scritto perchè mi aveva parecchio colpito..

  58. neroazzurro-rosso scrive:

    @Flavio Mucci

    Credo non partirà titolare, forse proprio per evitare esternazioni strane ma qualora dovesse entrare a partita in corso…chissà, meno male si gioca in casa.

  59. GuS scrive:

    Posso esprimere anch’io un’opinione sul caso Acerbi?
    Come sarebbe vacagher..?😆
    Comunque ✊🏽
    Sul benedetto calcio. Squalifica o meno, mi piacerebbe vedere come se la cava Pavard al centro della difesa, con Bisteccone alla sua destra. Quest’ultimo è un vero peccato vederlo in panca. Quando entra dà la sensazione che si diventi improvvisamente più pericolosi…in attacco. D’altronde non puoi nemmeno panchinare uno dalla classe, dall’esperienza (e dal costo specifico) del tedesco. Magari abbiamo in casa la soluzione del post Acerbi (al quale personalmente, foss’anche un campione di antirazzismo mitante, mi sembra folle leggere del rinnovo biennale (quasi) firmato.

  60. mare scrive:

    Gus dici Pavard centrale ?
    Farò discutere ma Pavard l’ultimo mese a mio avviso è stato l’anello debole della nostra difesa, ottimo in fase di spinta, è una di quella figure che ci ha consentito questo calcio totale con i difensori che attaccano l’area avversaria, MA in difesa a partire dall’incontro con la Roma per arrivare a Madrid ha lasciato mooolto a desiderare.
    Tanto che difensivante parlando ho rimpianto Darmian!…e anche Bisseck a dir la verità, centrale come ultimo baluardo visto l’ultimo mese eviterei

    Sinceramente tutto questo fenomeno Pavard idolo della tifoseria che dovrebbe fare tutta questa differenza rispetto a Darmian non l’ho vista, anzi…

  61. Javier + scrive:

    Ringrazio comunque Enzo Primo per la stima immeritata e malriposta ma ahimè anche io ho dato i miei 2 cent alla causa dell’Internazional socialismo. Mi stupisco invece caro Enzo I (che mi dai venire in mente Franco IV e Franco I icone dell’Italia beat, ma non divaghiamo) di come tu abbia potuto pensare che Giorgio non si fosse espresso nel merito. Giorgio riuscirebbe a prendere la parola e dire la sua in una Réunion nazionale di pettinatrici (chiedo scusa alle signore mi autoinfliggo 10 giornate).
    Ad ogni modo credo di mettere tutti d’accordo nel dire che la vera piaga della nostra società sono le pause per la nazionale.
    Andiamo a prenderci la seconda stella a destra (ops!)

  62. Cipe64 scrive:

    Cominciano ad arrivare alcune tanto attese parole da parte di Acerbi.
    Ci tengo a riportarle qui.

    “Si sta umiliando una persona, massacrando anche la sua famiglia, ma per che cosa? Per una cosa che era finita in campo e nella quale il razzismo non c’entra nulla? Il razzismo purtroppo è una cosa seria, non un presunto insulto. Questa non è lotta contro il razzismo. La malattia che ho affrontato è stata una passeggiata in confronto a questa vicenda, non ho avuto paura a quei tempi. Invece l’accanimento atroce che ho visto nei miei confronti in questi giorni mi ha ferito. Ho fatto tanto per togliermi l’etichetta che avevo quando ero più giovane e diventare un esempio di costanza e professionalità e ho rischiato di perdere tutto in un attimo. Tutti avevano già emesso la loro sentenza prima che uscisse. E per tanti sono ancora un razzista, non ci sto. Le gogne mediatiche non vanno bene e soprattutto non servono per risolvere un problema come quello del razzismo che sicuramente esiste. Non intendo sminuire nemmeno un po’, voglio che sia chiaro”

    Tuttosporc, hurrà giuventus, sabatini (quello scemo) e tantissime altre prostitute intellettuali continueranno con i soliti assiomi secondo i quali è uno scandalo NON condannare una persona (una persona, non un Interista)…non dico senza una prova ma addirittura senza lo straccio di un semplice indizio concordante.

    Si doveva condannare Acerbi sulla base di NIENTE, dell’assoluto NULLA….così possiamo dirci antirazzisti.

    Sarà replicata all’infinito la menzogna per cui Acerbi si sarebbe a caldo scusato per quell’insulto insulto razzista…cosa smentita, oltre che da lui, dall’arbitro e da tutti i presenti.

    Inutilmente perchè questa menzogna, già ripetuta 10, 100, 1000 volte, secondo i noti e consolidati canoni della propaganda, solo per questo motivo, è già diventata una verità…ed essendo questa falsa verità alla base del sillogismo di colpevolezza per Acerbi, per la gioia di molti, lui è già condannato all’infamia perenne.

    L’infamia di una cosa SCHIFOSA come il razzismo.

    Tutto questo sento di scriverlo perchè sono assolutamente convinto dell’innocenza di Acerbi?

    Sbagliato!!!

    Tutto questo lo scrivo perchè io so di non poter essere certo di un bel…nulla.

    Lo scrivo perchè NESSUNO può essere certo al 100% di un bel nulla e quindi nessuno ha il diritto di fare processi mediatici sommari che possono avere conseguenze ingiuste e dolorose.

    Magari domani verrà fuori la registrazione dell’offesa razzista o della frase citata da Acerbi.

    fino ad allora, ho il diritto sucuramente di farmi comunque una opinione (qui nel blog ho visto tutte LECITE E GARBATE OPINIONI)…ma se sono responsabile di una testata o, comunque di un media con un grande potere di influenzare l’opinione pubblica, io ho il DOVERE di essere preciso, misurato nel riportare i fatti.
    mI DEVO ASTENERE da facili processi mediatici.

    “Ad un grande potere corrisponde una grande responsabilità” (super cit.)

    Quel che vedo da parte di alcune testate giornalistiche ed alcuni pseudo giornalisti ancora oggo dall’antirazzismo peloso, ad intermittenza e a tanto al chilo oggi…MI FA VERAMENTE SCHIFO.

    Scusate le maiuscole e buona Pasqua.

    • Cipe64 scrive:

      E i refusi

      • Paolo scrive:

        Scusa @Cipe64, ma tu più di una volta hai ripetuto sta storia delle scuse di Acerbi che non ci sono mai state. Mi puoi cortesemente dire da dove esattamente hai dedotto questo fatto? Perchè è piuttosto importante e non l’ho letto da nessuna parte.

        • Cipe64 scrive:

          Certamente Paolo…più che dedurlo lo leggo nella sentenza dove si parla solo di un “confronto” tra i calciatori”.

          “Confronto” non “scuse” per l’offfesa razzista…come peraltro appare anche volendo ragionare “a sensazioni” come vedo spesso fare in modo un po’ da inquisizione per adesso.

          Tra un “confronto” e “scuse” per avergli dato del “nxxxo” ce ne passa direi.

          Lo deduco da quel che dice Acerbi, dall’assenza totale di offese razziste e da quanto emerge …o non emerge, dalle testimonianze di tutti, arbitro presente in testa.

          Dal quadro compatibile, in sentenza, con la versione di Acerbi. Versione che esclude quel tipo di scuse.

          Solo jj ha detto che si era scusato per quella parola che Acerbi dice di non aver detto.

          Se l’abbia detta la parola o meno, noi non possiamo saperlo adesso, ma le condanne “a sensazione” che vedo quasi ovunque, mi fanno veramente molta impressione.

  63. Geppetto57 scrive:

    Buffon: “Razzismo? Se si sbaglia lo si faccia in buona fede, senza voler ferire”.
    Qualcuno di buon cuore mi può spiegare il significato di questo titolo della GdS? Chiedo per un extraterrestre che non sa nulla di quello che succede nel mondo.

  64. Gaetano scrive:

    Cipe , sono d’accordo al 100% con te.
    Aggiungo solo :
    guarda caso, tutti coloro che citi, ossia Ruttosporc, Hurrà RUBE, Sabatini, aggiungo io anche il Direttore di Skysport, nonchè il prode Buffon(e) e tantissimi altri che si sono accodati sul carro dell’antirazzismo , sono gli stessi e, sottolineo, GLI STESSI, che l’anno scorso:
    quando la RUBE era sotto processo per le note vicende, ed emergevano gravissime prove ECLATANTI ( attenzione, non semplici indizi !! ) di falso in bilancio, false comunicazioni sociali alla Consob ed alla FGCI, false plusvalenze ammesse dai suoi stessi dirigenti e risultanti da chiarissime e inequivocabili intercettazioni telefoniche, nonchè da contratti e documenti scritti altrettanto non equivocabili … ebbene , tutti questi soggetti allì’epoca, nonostante questa “marea ” di prove inoppugnabili, sostenevano che: “prima di condannare la Juventus e i suoi dirigenti bisogna aspettare, bisogna valutare bla , bla, bla, e perchè le responsabilità non sono ancora provate, e comunque TUTTI fanno i giochini in bilancio con le plusvalenze e bla, bla, bla … e via con la presunzione d’innocenza, bla bla …
    Ora, invece, Acerbi per una parola ( che ha sentito solo JJ ) deve essere impiccato…senza se e senza ma…
    Meditate, gente, meditate…

    • Cipe64 scrive:

      C’è il giovine ovino che sta ricorrendo al TAR contro ogni evidenza autodenunciata da lui stesso nelle intercettazioni…

      Tutto condito da titoli che santificano la sua eroica resistenza a fronte di…un vergognoso patteggiamento.

      Poi c’è l’indignazione per il fatto di non condannare un cristiano senza neanche un indizio a suo carico…non una prova, un indizio.

      Non c’è fine alla vergogna.

  65. Francesco 70 scrive:

    Stasera a Firenze il bilan passeggerà e si porterà a meno 11. Probabilmente schiererà la primavera, tanto sarà facile l’impegno.
    Terzi, alla fine saremo terzi.

  66. denny71 scrive:

    Buona pasqua a tutti (così ci portiamo avanti) insomma pare che sommer sia guarito e per de vrij non dovrebbe essere un infortunio lungo, la pausa nazionali “se la semo levata da …” (cit. cult) e fatemi dire che a sto punto del caso acerbi non me ne frega più niente, non mi considero razzista ma in questi ultimi giorni sono arrivato al punto che pure se venisse fuori che ha davvero dato del negro a jj la mia reazione sarebbe “e sti gran ca…” non ho nessuna intenzione di farmi rovinare questo scudetto da rosiconi in malafede, non voglio sentire altre chiacchiere, sotto con l’empoli, e poi con le altre che mancano, elmetto allacciato e concentrati al max (nessun riferimento al sedicente allenatore gobbo)!

  67. neroazzurro-rosso scrive:

    Si può dire che sono contento dello 0 – 3 del napoli contro i diversamente nerazzurri?

    O non è politically correct?

    AMALA.

  68. Alex scrive:

    Eh; diciamo che se i “ciucci” avessero pensato un po’ meno ai comunicati e un po’ di più a uno scontro decisivo per la Champions ( che ora hanno salutato definitivamente), forse avrebbero ottenuto un risultato diverso. Speriamo che la Viola stasera non si scansi, ma nutro fortissimi dubbi in merito. Buona Pasqua a tutti.

  69. GuS scrive:

    JJ è un ragazzo intelligente e personalmente mi inginocchio virtualmente con lui, ma ho ancora gli incubi se penso alla linea Juan Jesus Ranocchia Campagnaro…

  70. Francesco89 scrive:

    Bravissima Lazio!! Bianconeri sempre più giù!!! 😀

  71. Jamescott scrive:

    vedere la juve perdere al 93 ha un suo perché

  72. Gaetano scrive:

    Colgo l’occasione per augurare Buona Pasqua e Juve merda a tutti…

  73. Geppetto57 scrive:

    REPLAY : Si può dire che sono contento dell’ 1 – 0 della Lazzie contro i diversamente colorati?

    O non è politically correct?

    AMALA.

  74. neroazzurro-rosso scrive:

    Secondo me sì.

  75. Francesco 70 scrive:

    Milan 2 a 1. Troppo forte, ormai il primo posto è loro. Questione di tempo, con la vittoria nel derby certificheranno il sorpasso.
    Peccato: avevamo ben 14 punti di vantaggio.

  76. Dawide scrive:

    Solita fiorentina inutile.
    Milan fastidioso.

    Lunedì Pesce d’aprile. Titoli scontati in caso di mancata vittoria

  77. Francesco 70 scrive:

    Uno ci prova a gufare….ma nulla. Destino già scritto.
    11 punti e 8 giornate alla fine.

  78. neroazzurro-rosso scrive:

    E’ un dato ormai certo: la fiorentina gioca, sul serio e con impegno, solo due partite a campionato, l’andata ed il ritorno contro l’Inter.

    Tutte le altre partite è risulta imbarazzante e sconcertante.

    Non si capisce, ma non si capacitano nemmeno loro, come fanno ad essere in semifinale di coppa Italia.

    Occupiamoci dell’Empoli, sempre per zittire i pennivendoli ed i gufi.

    AMALA.

  79. Mauro scrive:

    Il gol di leao mi ha ricordato quello del 2022 , sempre terraciano in versione babbo natale

    • Becca63 scrive:

      mah, Terraciano ha fatto una serie di ottime parate, nel primo tempo la Fiore poteva essere gia’ sotto di 2, francamente. Poi e’ chiaro che se davanti da una parte c’e’ Belotti, dall’altra Leao … Italiano viene tanto considerato ma, fatto subito il pareggio del 1-1, ha lasciato che la squadra si sbilanciasse in modo immotivato, hanno portato la difesa a centrocampo . A quel punto ti parte Leao, ciao … altro che Terraciano.
      Va beh, Lunedi’ concentrati che dalla parte sbagliata del Naviglio hanno gia’ RI-cominciato a far tabelle …

  80. Mauro scrive:

    Sta succedendo ancora….

  81. Geppetto57 scrive:

    Facciamo il nostro dovere giocando al calcio, che forse è meglio che seguire tutte le beghe che ci vengono propinate quotidianamente dai soliti soggetti a mezzo stampa.
    Poi, se riusciranno a scipparci nuovamente il campionato, meglio per loro, mi gireranno gli zebedei a duemila, ma me ne farò una ragione. Come sempre.

  82. giardinero9cruz scrive:

    Buona Pasqua fratelli nerazzurri!

    E un sentito RuBe merda a tutti voi, ed alle vostre famiglie

  83. TOTO scrive:

    Buongiorno.
    Ma veramente qualcuno ha paura di quegli scappati di casa che sono dietro in doppia cifra?
    Le vinceranno tutte?
    Estigrandissimicaxxi!!!!!!

    Scusate il francesismo pasquale.

    E, a proposito…..Buona Pasqua nerazzurra!

    A M A LA

    • Giorgio scrive:

      + 1/2 (ti approvo “in Toto”, ma ho fatto voto di modestia, per Pasqua 😁).
      Auguri a tutti.

    • Geppetto57 scrive:

      Di non vincere sarà abbastanza improbabile, a meno di eventi straordinari, che leggendo i giornali “normali” non mi tranqillizzano affatto. Che mi infastidisce già adesso, nel caso, sarà il codazzo di commenti di facciata a glorificare la nostra vittoria e relativi distinguo su mille argomenti privi di senso ma necessari alla sopravvivenza di certe specie giornalistiche.

  84. Alex scrive:

    Come ampiamente previsto, si sono scansati. Che la Giuve la prenda nel cosiddetto a tempo scaduto fa piacere a prescindere. Speriamo che quando arriveranno ad incontrare l’altra squadra di Milano siano costretti a giocarsela alla morte e non possano scansarsi anche loro. Sono parecchi anni che il ritorno di quella partita finisce ad appannaggio di quella delle due che ha più interessi in ballo in quel momento. Di nuovo Buona Pasqua a tutti.

    • Militus scrive:

      Alex, l’hai detto molto bene tu stesso: “Sono parecchi anni che il ritorno di quella partita finisce ad appannaggio di quella delle due che ha più interessi in ballo in quel momento”. Quest’anno non sarà diverso ma si spera che a quel punto avremo fatto in modo che non serva più a nulla.

  85. Lothar scrive:

    Una Buona e serena Pasqua a tutto il blog🖤💙

  86. Dawide scrive:

    Ma no, non si puo’ temere di perdere lo scudetto. Dà fastidio che si debba festeggiare tra un mese.

  87. Scetticonerazzurro scrive:

    Auguri pasquali a tutta l’allegra brigata del blog.

  88. Geppetto57 scrive:

    Se volete un assaggio del livello dei pennivendoli dopo la meritata conquista del Campionato, vi invito caldamente a leggere l’articolo della GdS dall’illuminate titolo ” Giallo a Tomori ma non a Barella. Leao polemico sui social”. Me sto mareando! (cit.)

  89. fortebraccio scrive:

    Inter – Empoli 0-1

    Espulso Acerbi

    ‘notte

  90. Enzo Primo scrive:

    Oggi giorno di Pasqua, i commenti (come giusto che sia) scarseggiano, ecco che allora vi giro il pronostico di un tiktoker bilanista che ha stilato una “tabella scudetto”, dove il milan vincerà lo scudetto proprio nell’ultima giornata di questo campionato sottraendolo alla Beneamata.

    Il suo (illusorio aggiungo io) pronostico è il seguente:
    Fiorentina – milan 3 ( punti 65) Inter – empoli 1 ( punti 77)
    Milan – lecce 3 ( punti 68) udinese – Inter 0 ( punti 77)
    Sassuolo – milan 3 ( punti 71) Inter – cagliari 3 ( punti 80)
    Milan – inter 3 (punti 74) milan – Inter 0 (punti 80)
    Juve – milan 1 (punti 75) Inter – torino 1 ( punti 81)
    Milan – genoa 3 (punti 78) sassuolo – Inter 3 (punti 84)
    Milan – cagliari 3 (punti 81) frosinone – Inter 1 ( punti 85)
    Torino – milan 3 (punti 84) Inter – lazio 1 (punti 86)
    Milan – salernitana 3 (punti 87) verona – Inter 0 (punti 86)

    Pensate voi a dirlo a Fortebraccio e Francesco 70?

  91. neroazzurro-rosso scrive:

    Bravo, bravissimo Jannik!

    Vediamo di continuare anche domani con le buone notizie.

    AMALA.

  92. GuS scrive:

    …buon Sinner a @scettico e ai racchetters del blog.

  93. Cruz Pallone d'Oro 🖤💙 scrive:

    Avete per caso notizie di quelli che “le vinceranno tutte da qui alla fine”?

  94. Scetticonerazzurro scrive:

    Mi sento abbastanza fortunato perché nello stesso anno, questo che stiamo vivendo, potrò presto godermi uno scudetto che ritengo il più meritato e il più bello per il gioco totale della squadra tra tutti quelli conquistati nell’intero dopoguerra, e perché per la prima volta vedrò un giovanissimo italiano sul podio più alto della specialità sportiva, il tennis, che ritengo la più nobile tra tutte. Ma prima di trattare dell’Inter permettetemi di soffermarmi sul fenomeno Sinner, un giocatore che sempre più mi appare un modello straordinario ( nel senso di “fuori dall’ordinario” ) dei giovani d’oggi, veri cittadini del mondo, poliglotti, aperti ai maggiori problemi del nostro tempo e impegnati a risolverli. Sinner, in particolare, con la sua faccia di ragazzo perbene, vincente ma senza iattanza, gentile ma senza affettazione, che tutti vorremmo fosse parte della nostra famiglia (io come nipote, GuS certamente come figlio, i suoi figli come fratello), pur senza possedere doti naturali per la pratica di questo sport, come ad es. lo spagnolo Alcaraz, grazie ad un impegno quotidiano di lavoro, ha raggiunto livelli di perfezione assoluta in uno sport in cui la tecnica, insieme a doti atletiche di resistenza alla fatica, ha un ruolo fondamentale . E l’ha raggiunta, e questo è il suo merito principale, in un tempo breve con una dedizione al lavoro assoluta, senza preoccuparsi di problemi di stile né di una maturazione fisica ancora in evoluzione, ma cercando di sfruttare la velocità di movimenti sul campo, la perfezione chirurgica del tiro nelle zone più imprendibili e soprattutto la forza fisica impressa alla palla, autentica sassata che colpisce il cemento e schizza via a velocità vertiginosa. Insomma, un modo nuovo di interpretare questo sport che farà scuola, in passato a mio parere uno sport troppo attento allo stile piuttosto che alle doti atletiche, come è apparso in assoluta evidenza proprio nella partita di ieri sera, con Dimitrov, legato al modello Federer senza averne la genialità , e Sinner che si muoveva sul campo e faceva muovere la palla ad una velocità nettamente superiore .
    Quanto alla nostra squadra, mi meravigliano i timori per un possibile recupero a nostre spese dell’unica squadra rimasta sulla nostra scia, ma a distanza siderale, a sole nuove giornate dalla fine. Una squadra, il Milan, che se vorrà vincere qualcosa dovrà impegnare tutte le sue forze in League, dove non avrà certo vita facile , con incontri infrasettimanali che ne logoreranno il fisico e i nervi, mentre noi potremo finalmente godere di intere settimane di riposo per affrontare squadre quasi tutte sistemate nella parte destra della classifica, a noi quindi nettamente inferiori, contro le quali, ne son sicuro, riprenderemo a vincere con quattro e più gol di scarto, in cerca di primati e per la felicità di Lautaro e della sua classifica di cannoniere capo. Insomma, solo fattori esterni al campionato potrebbero interrompere la nostra cavalcata verso la seconda stella, come, che so?, una nuova pandemia o, addirittura, una guerra nucleare, ma in questo caso avremmo ben altro da pensare che alle sorti del campionato e allo scudetto…
    Felice giornata e felice partita.

    • GuS scrive:

      Buongiorno @Scettico.
      Cosa non rispondere se non che quoto in pieno quello che scrivi su Sinner, aggiungendo che anche quell’esultare sobrio, composto, lontano dai machismi testosteronici che dovrebbero connotare la mascolinità agonistica e vincente, me lo fanno piacere particolarmente. E speriamo in bene, a proposito di mascolinità testosteronica, quella sublimata dalla guerra che evochi (adoro quel tocco di apocalittico che ogni tanto trapela dalle tue righe).
      Buona pasquetta amico Scettico, spero che tu abbia intorno qualche familiare a romperti le scatole. 😉

    • Cipe64 scrive:

      @Scettico
      Sempre un piacere leggerti.
      Buona Pasquetta.

      “Dimitrov, legato al modello Federer senza averne la genialità”
      Definizione, per me, perfetta.
      Federer…che privilegio per noi averlo potuto ammirare.

      • Geppetto57 scrive:

        Il commento riferito a Dimitrov mi ricorda i tanti atleti spacciati per “il nuovo …..” e poi finiti nell’anonimato o peggio. E Dimitrov non è nemmeno tanto nuovo. C’è da dire che ad intralciare il suo cammino verso l’Olimpo del tennis si sono messe signorine di bell’aspetto (eufemismo) che sovente distraggono anche gli atleti più promettenti.

  95. Lothar scrive:

    Grazie anche da parte mia all’usuale, eccellente Scettico,
    raffinato scrittore che fortunatamente disserta per noi…
    E forza Inter!🖤💙

  96. fortebraccio scrive:

    Oggi perdiamo tre punti. Lo sapete, vero?
    Così finalmente la finirete di prendere per il culo chi fa le tabelle scudetto e vede lontano.

  97. Mauro scrive:

    Un anno fa primo aprile una squadra toscano espugna s.siro x 1 a 0….. sappiatelo

  98. Francesco 70 scrive:

    Eccoci, rendiamo ufficiale il distacco a 11 punti.
    È finita.

  99. fortebraccio scrive:

    Inter – Empoli 0-1
    ‘notte

  100. giardinero9cruz scrive:

    Inter appena discreta che parte forte, segna ma poi concede l’iniziativa ad un buon Empoli che sembra crederci e talvolta si rende pericoloso.

    Serve il 2-0 al più presto possibile, altrimenti rischia di finire come con il Napoli.

    Le nazionali ci hanno restituito qualche giocatore un po “imballato”.

  101. Jamescott scrive:

    non ho capito se controlliamo o non abbiamo benzina
    e comunque un risultato che non lascia tranquilli

  102. Alex scrive:

    Stiamo giocando senza attaccanti e con un Chala al 50%; dura così. Come dice “il Jardineiro” o facciamo in qualche modo il secondo o finisce come col Napoli.

  103. Francesco 70 scrive:

    Tutto inutile. Sicuro 2 a 1 per loro. Bilan campione, ormai il destino è segnato

  104. Intervals scrive:

    È bello che l’Empoli non ci tema e venga a ciocarsela a San Siro. Ha iniziato oggi o gioca sempre così
    ? Perché sennò diventa difficile spiegare i (per ora) 54 punti di differenza.

  105. Francesco 70 scrive:

    Bene così.
    Però Bastoni e Lutaro che escono lamentandosi non si possono guardare. Non mi piace.

  106. Javier + scrive:

    Nicola con le squadre che rischiano la B è bravo, però ho visto anche della qualità da loro, difficile davvero guardare la loro classifuca e la partita di stasera
    Direi che da oggi, se non erro, possiamo fare la tanto agognata “gara ogni 7 giorni”.
    Dai su chiudiamo in bellezza questo campionato della seconda stella che davvero vederli a rincorrere l’Empoli non fa onore a quanto fatto finora.

  107. Militus scrive:

    La nostra Inter è in evidente debito di ossigeno ma sembra aver imparato dagli errori di due anni fa. Quindi avanti così. Purtroppo giocare ora contro le squadre che devono salvarsi è molto complicato e le prossime due prima del derby saranno dello stesso tenore. Quest’anno cerchiamo di non dare alcuna speranza a chi ha conosciuto ben due volte il campionato inferiore.

  108. giardinero9cruz scrive:

    Vittoria importantissima, per niente facile, contro un buon Empoli che è rimasto in partita fino alla fine.

    Si è vista molta stanchezza in alcuni giocatori, tornati spremuti dalle rispettive nazionali. Preoccupano i 2 attaccanti che
    sembrano essere in riserva.

    Detto questo, altra vittoria, altro clean sheet, primato in classifica, +14 sui gonzi e +20 sulle merde!! Qualche pigiamato avrà ancora il coraggio di parlare di Marotta League?

    Salutate la capolista

  109. Intervals scrive:

    È andata dai…
    Alla prossima dove, secondo tabella, si perde.

  110. Giorgio scrive:

    Stasera mi son piaciuti poco Thuram e Calhanoglu, ma al turco non darei un’insufficienza. Diciamo un 6-, ecco…
    Sono molto perplesso su Buchanan, evidentemente un acquisto sbagliato. Lo desumo dal fatto che oggi uno con le caratteristiche che ha avrebbe fatto ben comodo, anziché cercare di far partire Pavard e Darmian, spesso “coperti” da Barella nella stessa zona di campo.
    Ecco…mi sarebbe piaciuto che mettesse Buchanan al posto di Darmian, anche perché l’italiano NON è più un ventenne con risorse illimitate.
    Bene, comunque. 14 punti in più e una giornata in meno 😉
    ⭐️⭐️

  111. Lothar scrive:

    Mi rincresce solo di non poter gioire pienamente di questa vittoria,
    non avendola potuta vedere causa problemi al solito sito.
    Per fortuna ho già biglietto e Bandierone per la prossima qui a Udine.
    Nel frattempo spero che il mio hacker Arturo+ mi aiuti a risolvere i problemi tecnologici.
    Ed ora aspetto di leggervi un pò, ciao fratelli e forza Inter💪!

  112. neroazzurro-rosso scrive:

    Un amico mi ha inviato un link per un articolo in cui, Matri e Berhami, spiegano che, nel caso il bbilan vincesse la coppa, la seconda stella dell’Inter sarebbe un po’ più amara.

    Non sanno più cosa scrivere pur di non parlare dello splendido campionato fin qui giocato.

    Poveretti, che vita grama!

    AMALA.

  113. neroazzurro-rosso scrive:

    Nuovo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *